Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teatro popolare a Cuba: il Teatro de Relaciones

La tesi presenta innanzitutto la nascita delle relaciones, una forma teatrale popolare, nel lontano 1520. Il capitolo introduttivo analizza la storia dell’isola, dalla sua scoperta fino ai giorni nostri, passando ovviamente attraverso la Revolución di Castro. Le relaciones non possono essere svincolate dalle vicende sociali e politiche di Cuba, e quindi è stato necessario analizzare queste per prima cosa.
Segue un paragrafo di storia del teatro vera e propria, che mi è servito per inquadrare le esperienze realizzate dal Conjunto Dramático de Oriente (il futuro Cabildo Teatral Santiago) prima di dedicarsi alle relaciones, e di spiegare meglio l’importanza della nuova linea di lavoro relacionera: è la storia di ricerche estetiche che in alcuni casi corrispondevano alle scelte adottate dal gruppo negli anni ’70, ma che non avevano quella carica politico-sociale che ebbero dopo la rivoluzione.
All’interno di questo necessario inquadramento storico, non poteva mancare un paragrafo sul carnevale, momento ideale per il fenomeno relacionero a causa delle particolarità del carnevale di Santiago de Cuba, unico sull’isola e nel mondo.
Segue un capitolo dedicato al gruppo, che era nato a Santiago de Cuba nel 1961 con il nome di Teatro Santiago, senza alcun interesse verso il recupero delle tradizioni popolari, e che in seguito aveva cambiato il proprio nome in quello di Conjunto Dramático de Oriente.
Attraverso la storia artistica del collettivo, si arriva fino agli anni ’70, decade di esplosione delle relaciones, riscoperte grazie alla volontà di attori e registi, e grazie al bisogno di superare una crisi culturale che aveva allontanato il pubblico dal teatro. La ricerca delle radici autoctone della provincia di Oriente fu un’esigenza culturale, che però non mancò di avere le sue ripercussioni politiche e sociali.
Ancora una volta, nel 1977, il gruppo cambiò nome, decidendo di chiamarsi Cabildo Teatral Santiago, per sottolineare con più forza il recupero delle antiche tradizioni cubane. Il termine cabildo riporta infatti alle associazioni di mutuo soccorso che erano sorte tra gli schiavi neri, negli anni della colonia. Oggi, i Cabildos sono associazioni culturali per la tutela delle tradizioni caraibiche.
Le conclusioni di questo lavoro analizzano in toto la parabola delle relaciones, riassumendo i motivi che le hanno riportate sulle strade della città e quelli per cui sono state superate da altre esigenze estetiche. Tornano termini quali rivoluzione e Teatro Nuevo, per spiegare ancora una volta l'importanza culturale, sociale e politica che hanno avuto nel paese e, nello stesso tempo, la loro unilateralità.
Vi sono poi alcune interviste che ho fatto personalmente, durante il mio soggiorno a Cuba, ad esponenti del gruppo e a funzionari politici del Consejo de las Artes Escénicas, l’organo rappresentativo dell’attività teatrale del paese.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Cozzi Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2858 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.