Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un sistema di supporto alla manutenzione nel campo del facility management

Il presente lavoro, realizzato in seguito alla permanenza dell’autore presso l’Azienda Energetica Metropolitana di Torino s.p.a, in occasione di uno stage formativo, ha come oggetto l’implementazione di un nuovo sistema per la gestione del flusso informativo sugli impianti termici municipali affidati ad essa dal Comune di Torino.
Il Comune di Torino nel 1994 ha affidato la gestione e la conduzione degli impianti di riscaldamento di sua proprietà all’AEM, intendendo perseguire ambiziosi obiettivi, attraverso l’outsourcing di dette attività, di riduzione dei consumi, rinnovamento ed adeguamento degli impianti in una sola parola, miglioramento del servizio. Il presente studio si compone di una prima parte introduttiva relativa alla disciplina del facility management e della manutenzione in generale, segue poi, la trattazione degli impianti termici e delle normative strettamente connesse alla loro conduzione e manutenzione ed infine, dopo una introduzione sull’Azienda Energetica Metropolitana di Torino s.p.a. e le sue principali attività, si passa alla trattazione del servizio riscaldamento degli stabili comunali, alla sua gestione attuale ed al progetto che ne vede una totale innovazione.
Viene analizzato sia sotto il profilo strettamente informatico che quello organizzativo, lo sviluppo di un nuovo sistema di programmazione e gestione della manutenzione ordinaria e su guasto, mettendo in evidenza anche i risvolti che la sua introduzione produrrà nei rapporti contrattuali tra AEM e gli appaltatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Competere in un contesto complesso come quello attuale, caratterizzato da forte incertezza ed alta variabilit e definire quali sia no i propri avversari, Ł sempre piø difficile; l unica fonte di vantaggio competitivo pu essere costituita dall innovazione. In uno scenario caratterizzato da una crescente globalizzazione ed un regime reale di concorrenza, il management deve essere in grado di assumere decisioni in modo rapido e poter disporre di tutte le informazioni necessarie in tempi brevi. In ragione di tali esigenze l impresa oggi, deve essere dotata di un moderno e dinamico sistema informativo in grado di rendere disponibili le informazioni in tempo reale ed abbattere le barriere che esistono tra le diverse funzioni dell impresa. La gestione degli immobili e dei servizi ad essi collegati ha vissuto in Italia, dalla met degli anni novanta in poi, una vera e pr opria rivoluzione, tale da instradare la cultura gestionale del nostro paese quanto meno sulle vie di quanto gi avvenuto nelle altre economie avanzate. La parola chiave del processo innovativo Ł gestione, intendendo per essa l attivit imprenditoriale volt a alla razionalizzazione del funzionamento degli immobili attraverso l outsourcing dei servizi di supporto ed alla massimizzazione del reddito e del valore del patrimonio immobiliare. Il presente lavoro, realizzato in seguito alla permanenza dell autore presso l Azienda Energetica Metropolitana di Torino s.p.a, in occasione di uno stage formativo, ha come oggetto l implementazione di un nuovo sistema per la gestione del flusso informativo sugli impianti termici municipali affidati ad essa dal Comune di Torino. Il Comune di Torino nel 1994 ha affidato la gestione e la conduzione degli impianti di riscaldamento di sua propriet all AEM, intendendo perseguire ambiziosi obiettivi, attraverso l outsourcing di dette attivit , di riduzione dei consumi, rinnovamento ed adeguamento degli impianti in una sola parola, miglioramento del servizio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Ugo Puzzo Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2560 click dal 09/10/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.