Skip to content

L'archivio del Comune di Campolongo sul Brenta - Ordinamento e inventariazione della sezione storica

Informazioni tesi

  Autore: Elena Ronzani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Roberto Navarrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Il mio lavoro è consistito nel creare l’ inventario della sezione separata d’archivio del comune di Campolongo sul Brenta. Gli anni analizzati vanno dal 1913 al 1945 compreso. I documenti anteriori al 1913, infatti, sono andati tutti distrutti. (Vedi Introduzione “Frammenti di storia attraverso i documenti”).
Con questo mio lavoro credo di aver contribuito a facilitare l’accesso ad una fonte che trova le sue radici nel tessuto della società di Campolongo sul Brenta.
Attualmente, infatti, la ricerca negli archivi è in costante espansione; l'esigen­za di aggrapparsi al reale, di cercare nel passato un insegnamento, di instau­rare con le generazioni che ci hanno preceduto un legame oppure la semplice curiosità di ciò che è stato hanno portato ad un aumento dell'interesse ai particolari depositi di memoria locali.
Al centro della ricerca sta l'attenzione ai problemi che scaturiscono dal concatenarsi degli avvenimenti, agli infiniti atteggiamenti della vita quotidiana materiale e morale della società che ci ha preceduto e perciò all'archivio depositario della memoria locale, dove, più che altrove, insisto­no, se pure frammentati, gli spezzoni della società organizzata in una speci­fica e peculiare realtà.
Emerge sempre più forte il valore del "locale", di quel patrimonio storico conservato - ancora spesso purtroppo male! - presso gli enti locali, depositi perciò che diventano preziosi per la verifica in ambiti circoscritti di ipotesi generali.
Di qui l'esigenza sempre più pressante di conoscere questi depositi, di poterne usufruire scientificamente e quindi la necessità di organizzarli per una agevole fruibilità.
Come scrive E. M. Gombrich: “Se perdiamo la memoria del passato finiamo con lo smarrire quella dimensione che dà profondità e sostanza alla nostra cultura”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Origine e vicende del Comune di Campolongo sul Brenta 1 ORIGINE E VICENDE DEL COMUNE DI CAMPOLONGO SUL BRENTA Campolongo sul Brenta è un piccolo paese che si estende per circa 10 km 2 lungo la provinciale Campesana-Val Vecchia che da Bassano del Grappa porta a Foza. E’ adagiato lungo la destra orografica del Canal di Brenta sulle propaggini meridionali dell’Altopiano dei Sette Comuni. Panoramica di Campolongo sulla parte meridionale dell’Altopiano dei Sette Comuni (foto 1988) Il suo nome deriva dalla particolare forma del suo territorio che si sviluppa tra la montagna e il fiume Brenta, che è stato e resta un elemento importante per la storia e la trasformazione del paese¹. Il documento più antico del toponimo Campolongo risale al 1347. ___________________________________ (1) Al tempo dei romani il Brenta era chiamato Medoacus. Con la discesa in Italia dei Longobardi nel secolo VI il nome cambiò. Il fiume ha origine in un luogo vicino a Levico chiamato “Le Fontanelle” in quanto ricco di sorgive d’acqua. Nell’antica lingua tedesca fontana si diceva Brint o Print o Printl e da qui il fiume prese il nome di Brinta. Uscendo sotto forma di due piccoli ruscelli dai laghi di Levico e di Caldonazzo, il Brenta, scorre per circa trentaquattro chilometri la Valsugana, sino a imboccare verso Primolano quello che è stato chiamato e resta tutt’oggi il suo “Canale”. Prima di arrivare alla pianura esso riceve le acque di vari corsi come il Cismon e l’Oliero. Attraversa Bassano del Grappa e percorre la pianura fino ad arrivare al mare Adriatico nei pressi di Chioggia. Un tempo nel fiume vivevano varie specie di pesci; oggi il suo ambiente ecologico è in parte cambiato. (F. SIGNORI, Valstagna e la Destra del Branta, Valstagna 1981 pagg. 7-11)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archivio comunale
archivistica
campolongo sul brenta
documenti storici
inventariazione
storia
veneto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi