Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro socio-clinico con l'adolescente deviante: l'esperienza dell'équipe penale minorile dell'area di Vimercate e Trezzo s/Adda

La tesi tratta del lavoro socio-clinico condotto dall'assistente sociale in servizi che si occupano di minorenni sottoposti a procedimenti penali. La trattazione del tema non prescinde dalla comprensione del quadro legislativo nazionale e regionale della Lombardia, dalla programmazione e organizzazione dei servizi sociali territoriali e Ministeriali. La trattazione teorica prende spunto dall'organizzazione di un servizio specialistico territoriali a favore di adolescenti sottoposti a procedimenti penali, coordinato dall'autrice della tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Da poco più di due anni lavoro nell’ambito sociale come professionista: assistente sociale. Questo termine assume nella società, da parte delle pubblica opinione, valenze differenti. Più volte nel corso del percorso di studi ho sentito commenti diversi: delusi, perplessi, incuriositi, soddisfatti rispetto alla scelta di affrontare una professione poco o nulla riconosciuta e conosciuta ( “ma ti pagano?” “sei come una volontaria” “ interessante ma non è un lavoro solo burocratico?”). Ma chi è, cosa fa e a cosa tende un’assistente sociale? Più volte mi sono posta questa domanda e quello che penso di aver compreso, dopo poco più di due anni di pratica, è che dovrebbe tendere a diventare un serio professionista: non affidarsi al caso, agli impulsi, conoscere sé stessi al fine di comprendere i meccanismi attuati e che le persone fanno “scattare” in noi, assistenti sociali, che prima di tutto siamo persone con emozioni, sentimenti, paure e fatiche. Nell’approcciare il mondo del lavoro, nello specifico quello sociale, mi sono dovuta confrontare con le mie aspettative e fantasie. Un’unica cosa avevo chiara nella mente: volevo lavorare con i minorenni ma non avevo ancora idea di quello che significasse esattamente.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Elena Giudice Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1154 click dal 12/10/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.