Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Psicologia e formazione: Analisi di un caso di intervento in azienda

Nel primo capitolo ho introdotto la formazione risalendo alle sue due etimologie: al latino “forma” e al greco “morfè”, il primo richiama ad attività specifiche di formazione e il secondo implica un “modo d’essere”.
Poi mi sono chiesta: come si è sviluppata la formazione? Quali sono le fonti di erogazione della formazione?
Ed ancora, come viene valutato il sistema formativo italiano dai manager e imprenditori?
Queste sono in linea generale le domande alle quali ho cercato di darmi una risposta nella prima parte del capitolo. Nella seconda parte del capitolo mi sono soffermata di più sulla qualità psico-pedagogica della formazione, descrivendo gli eventuali modelli di riferimento, i fattori comuni a tutti i modelli e gli elementi da cui può dipendere la qualità della formazione.
Il secondo capitolo è nato da un'altra domanda: Cosa vuol dire oggi parlare di progettazione della formazione? Progettare significa prevedere in anticipo le mosse necessarie per raggiungere certi obiettivi, ma oggi progettare la formazione significa anche adottare nuovi obiettivi e riuscire a leggere nuovi bisogni, significa sapere tener meglio conto della dimensione umana e saper valutare non solo i risultati ma anche i processi messi in atto, indipendentemente dal fatto che siano stati progettati o meno.
Non basta sapere se un impiegato è stato il primo o l’ultimo della classe ma occorre sapere se egli progredisce nel suo progetto personale e in che misura padroneggia le conoscenze, i saper-fare ed il saper-essere indispensabili al suo sviluppo e al suo inserimento/reinserimento nella vita sociale/professionale.
A questo proposito ho descritto le tappe della
Progettazione Formativa, esse sono 4:
1. Analisi dei fabbisogni formativi;
2. Obiettivi e pianificazione del percorso formativo;
3. Realizzazione del programma di formazione;
4. Valutazione delle performance.
Il terzo capitolo è interamente dedicato alla mia ricerca, la quale è iniziata contattando un ente di consulenza aziendale, una rinomata società fondata nei primi anni 90 da affermati professionisti in gestione aziendale.
Lo scopo dell’intervento di questo ente di consulenza è appunto quello di migliorare le prestazioni e il rendimento delle persone che lavorano in azienda.
Questo ente mi ha messo in contatto con un suo cliente, una società che fa parte del GM essa si occupa di commercializzazione, istallazione e assistenza tecnica di impianti, macchine e accessori per la saldatura e taglio di materiali metallici.
Mi sono recata presso la sede dell'azienda-cliente, ed ho effettuato tre interviste mirate una alla responsabile risorse umane un'altra all'amministratore ed una terza ad un dipendente.

Mostra/Nascondi contenuto.
  3   INTRODUZIONE      Sin  da  piccola mi  ha  incuriosito  ed  affascinato  il mondo  aziendale,  con  il  passare  degli anni e  l’avanzare degli studi, ha  iniziato ad  interessarmi soprattutto  il campo  che riguarda la formazione e la selezione del personale.  Sono sorte in me una serie di curiosità e domande a cascata ed appena ho avuta la  possibilità,  ho  cercato,  attraverso  questo  lavoro,  di  trovare,  almeno  in  parte,  le  risposte e soprattutto soddisfare le mie curiosità!  Spesso  mi  sono  chiesta,  ma  come  si  fanno  a  gestire,  soprattutto  nelle  grandi  aziende, tanti esseri umani?   Con  il passare degli anni  la tecnologia è diventata sempre più avanzata, ed ancora,  perché  parlare  di  formazione  in  una  società  che  cambia  velocemente  e  dove  le  competenze richieste non sono più ben definite ma flessibili, pronte al cambiamento  e all’adattamento a qualsiasi novità?   Qui mi  è  sorta  un’altra  curiosità, ma  tutta  questa  formazione  porta  dei  risultati  positivi?   Si stà erogando una  formazione che serve? O si stà ricorrendo ad essa per stare al  passo con le mode? Successivamente sono nati gli enti di consulenza aziendale, e qui  mi  sono  chiesta,  come  fa  la  consulenza,  essendo  esterna  all’azienda,  a  capire  i  bisogni formativi ed a organizzare eventuali corsi.   A questo punto ho organizzato il mio lavoro dividendolo in tre parti. 

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Angela Buono Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3016 click dal 10/10/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.