Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I limiti alla circolazione delle azioni: la prelazione statutaria

Con la presente tesi, si ha l’obiettivo di realizzare una panoramica delle principali tematiche che studiosi e giudici hanno affrontato negli ultimi decenni, relativamente ai limiti alla circolazione delle azioni e, in particolare, in relazione alla prelazione statutaria, per poi concludere con le novità introdotte con la riforma del diritto societario attuata dal D. Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione. La posizione di un socio nell’ambito di una società a base capitalistica è rappresentata dalla partecipazione sociale di cui è titolare, articolata in diritti di natura patrimoniale e in diritti di natura amministrativa. Questa partecipazione è espressa da azioni o titoli azionari, che rappresentano l’unità minima in cui è stato suddiviso il capitale sociale nominale, per consentirne la sottoscrizione all’atto della costituzione della società 1 . Sottoscrivendo le azioni, il socio si obbliga ad apportare in società ciò che viene destinato all’esercizio della comune attività, acquisendo, in cambio, tutti i diritti ad esse connessi, in proporzione alla quota posseduta: diritto agli utili, diritto alla quota di liquidazione, diritto di intervento alle assemblee, diritto di voto, diritto di impugnativa delle deliberazioni, ecc.. Le azioni, tranne rare eccezioni previste dalla legge e salvo particolari limiti che possono essere stabiliti dai soci e di cui si dirà oltre, possono circolare liberamente ed essere oggetto di contrattazioni; proprio questa loro caratteristica le rende gradite ad una moltitudine di investitori. Le limitazioni alla loro circolazione che derivano da accordi volontari tra i soci, se da un lato hanno contribuito alla stabilizzazione degli assetti societari di quelle società che le hanno incluse nei loro 1 S.Pescatore, Impresa societaria a base capitalistica. Caratteri, in Istituzioni di Diritto commerciale a cura di V.Buonocore, Giappichelli Editore, Torino, 2006, pag. 136 e ss. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Geremia Santarcangelo Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2323 click dal 12/10/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.