Skip to content

Blogosfera, conoscenza e società: nuove forme di informazione nell'era di Internet

Informazioni tesi

  Autore: Laura Alberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Pina Lalli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

Il concetto di “cittadino monitorante”, formulato da Michael Schudson in alternativa al tradizionale modello del “cittadino informato”, descrive un cittadino impegnato a “fare scanning” dell’ambiente politico e pubblico con basso dispendio di energie cognitive, oscillando quindi tra atteggiamento attivo e passivo in base all’interesse o a uno stimolo forte; in riferimento a questa definizione dell’acquisizione di informazioni da parte dei cittadini, i cittadini-blogger fungerebbero da nuovi “campanelli d’allarme” per i media e la società civile: il loro ruolo consisterebbe infatti nel monitorare il vasto ambiente informazionale e nel consegnare all’attenzione dei lettori input rilevanti, motivati unicamente dalla soddisfazione personale e dall’interesse per i temi trattati. Il tono spesso polemico ed emotivo dei blog più letti risulta funzionale ad attrarre l’attenzione dei lettori e ad adempiere quindi ad un ruolo monitorante. Le notizie e i temi più interessanti tendono infatti a confluire nei blog più trafficati, e da questi ai media tradizionali grazie alla forte interrelazione tra mediasfera e blogosfera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il fenomeno blog, emerso pochi anni fa nella Rete tra il disinteresse dei media e della maggior parte delle persone, è oggi una realtà che fa parlare di sé e sta sviluppando un modo alternativo di fare comunicazione: alternativo in quanto questo medium permette a chiunque di pubblicare qualsiasi tipo di testo e contenuto in una pagina web in modo semplice, gratuito e veloce. I testi pubblicati sono aggiornabili in pochi secondi e, soprattutto, sono potenzialmente visibili in qualsiasi parte del mondo in ogni momento. Inoltre il weblog introduce uno standard di comunicazione dialogica che invita alla discussione e al confronto, ed è supportato da collegamenti ipertestuali che fanno della blogosfera “una rete di interazioni intellettuali dirette e navigabili, risultato dell’apporto gratuito, aperto e verificabile delle conoscenze e delle opinioni di molte persone su argomenti di interesse generale e in tempo pressoché reale” (Granieri, 2005, p.VIII). Il blog nasce nel 1999, quando due ragazzi californiani, Evan Williams e Meg Hourihan, hanno inventato un software che permette di creare e pubblicare una pagina web in tre minuti e di postare in pochi secondi testi in ordine cronologico. Il software è stato poi messo a disposizione della comunità grazie al sito internet www.blogger.com. Da allora sono sempre più numerose le persone che tengono un blog, spaziando negli argomenti dalla vita privata alla politica e l’attualità, ed anche se la maggior parte dei blogger sono americani, il fenomeno si sta diffondendo ovunque, Italia compresa. La crescita è stata velocissima: se nel 1999 si contavano meno di cinquanta blog, oggi le stime parlano di svariati milioni. Dal 2001, anno di esplosione del fenomeno blog, molto è stato scritto su questo nuovo “format” e sulle possibilità da esso offerte dal punto di vista della circolazione delle informazioni. L’attività dei blogger in Cina e in Nepal sono esempi di come le persone oggi possano scavalcare l’informazione ufficiale per portare il loro pensiero sulla scena internazionale e dare inizio a processi di democrazia emergente. Similmente nelle democrazie occidentali la blogosfera, cioè un network di opinioni decentralizzato e nonprofit, ha saputo imporre, in determinate occasioni, le sue priorità nello stabilire l’ordine dell’attenzione agli eventi nella vita pubblica. La blogosfera realizza quindi un nuovo modo di circolazione delle informazioni, espressione della intelligenza collettiva teorizzata da Pierre Lévy. Siamo di fronte a un fenomeno nuovo, ad un sistema di opinioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blog
blogosfera
cittadino informato
cittadino monitorante
informazione
società

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi