Skip to content

Antichi timori e nuovi freddi - Una rinata potenza per una nuova Guerra Fredda?

Informazioni tesi

  Autore: Miriam D'ambrosio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Cesare La Mantia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

La dissertazione vuole essere un’analisi dell’attuale scenario internazionale, in particolare degli ultimi eventi che, con i loro sviluppi, stanno riproponendo una situazione con aspetti che, in qualche modo, richiamano gli anni della Guerra Fredda.

Oggi la Russia si sente minacciata dalle aspirazioni statunitensi e dalla continua espansione dell’Unione Europea accompagnata da quella Nato. Con la caduta dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno cominciato a rivestire il ruolo di unica superpotenza all’interno di un mondo che non era in grado di fornirle un’alternativa. Nel corso degli anni novanta gli USA hanno avuto modo di marcare questo loro primato; in varie occasioni Washington ha imposto le sue linee, scavalcando anche istituzioni internazionali, come l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Gli attacchi subiti l’11 settembre 2001 hanno rappresentato l’occasione per cambiare ed applicare una nuova strategia. Essa è stata orientata verso la creazione di contromisure per prevenire e affrontare al meglio situazioni ritenute “pericolose” che nel tempo potrebbero trasformarsi in reali minacce. La Casa Bianca ha concepito e sviluppato un intervento anglo – americano in Iraq, incrementato la propria presenza economica e politica in paesi - chiave, per l’assetto di aree soprattutto est europei (Polonia, Ucraina, Bulgaria, Romania).

Negli ultimi mesi ha inoltre “proposto – imposto” l’allargamento del suo scudo missilistico all’Europa Orientale, scatenando innumerevoli polemiche.

La Russia, ripresasi lentamente dallo shock determinato dalla caduta libera della fine della Guerra Fredda, ha cominciato a reagire e a mostrare una nuova capacità di elaborazione strategica. La sua è una politica impiantata sul concetto di “multipolarità” da opporre a quello unipolare insito nella realtà degli Stati Uniti. Perciò, abbandonata ogni palese aspirazione di competizione sul piano militare, Mosca ha cominciato a tessere una fitta rete di rapporti:internazionali dalla Cina all’India, dall’Unione Europea all’America Latina fino a giungere ai rapporti stretti con quei paesi che Washington denomina “stati canaglia”. Ma l’arma russa più affilata è rappresentata dalle risorse energetiche. La Russia è il terzo paese produttore di petrolio, dopo Arabia Saudita e Kuwait. I suoi rubinetti forniscono la maggior parte dei paesi europei, molti asiatici e alcuni tra quelli africani. L’oro nero, dunque, così come il gas, rappresenta la nuova vera leva di politica estera, perfettamente in grado di condizionare sia l’agenda internazionale che la politica estera dei singoli paesi, Stati Uniti in testa.

Gli elementi di frizione tra le due maggiori potenze mondiali si susseguono giorno dopo giorno, soprattutto negli aspetti declaratori. Taluni aspetti, eclatanti, hanno ispirato nel linguaggio dei media, il ritorno a contrapposizioni tipiche degli anni più bui della Guerra Fredda.

Di fronte alla difficile comunicazione tra i vari soggetti internazionali, la prima soluzione riguarda la valorizzazione di un’agorà in cui potersi confrontare e poter discutere e trovare linee di soluzione.

Indispensabile risulterà la rivalutazione del ruolo delle Nazioni Unite. Occorrerà creare un quadro giuridico e organizzativo più solido in grado di assicurare la legittimità, la coerenza e il coordinamento degli sforzi necessari al fine di difendere la pace internazionale.

All’interno di un mercato globale come quello odierno, importante risulterà ancora l’azione organizzatrice del World Trade Organisation. Si tratta di una autorevole agorà, in cui il dialogo e l’equo confronto potrebbero garantire un necessario riequilibrio economico e assicurare maggiori garanzie per disinnescare latenti tensioni internazionali. Di fronte alla contrapposizione tra Russia e Stati Uniti, potrebbe acquistare maggior rilevanza anche la presenza dell’Unione Europea, soprattutto se riuscirà ad esprimersi con voce unitaria, per l’equilibrio e la composizione delle diverse tensioni internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La dissertazione vuole essere un’analisi dell’attuale scenario internazionale, in particolare degli ultimi eventi che, con i loro sviluppi, stanno riproponendo una situazione con aspetti che, in qualche modo, richiamano gli anni della Guerra Fredda. Oggi la Russia si sente minacciata dalle aspirazioni statunitensi e dalla continua espansione dell’Unione Europea accompagnata da quella Nato. Con la caduta dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno cominciato a rivestire il ruolo di unica superpotenza all’interno di un mondo che non era in grado di fornirle un’alternativa. Nel corso degli anni novanta gli USA hanno avuto modo di marcare questo loro primato; in varie occasioni Washington ha imposto le sue linee, scavalcando anche istituzioni internazionali, come l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Gli attacchi subiti l’11 settembre 2001 hanno rappresentato l’occasione per cambiare ed applicare una nuova strategia. Essa è stata orientata verso la creazione di contromisure per prevenire e affrontare al meglio situazioni ritenute “pericolose” che nel tempo potrebbero trasformarsi in reali minacce. La Casa Bianca ha concepito e sviluppato un intervento anglo – americano in Iraq, incrementato la propria presenza economica e politica in paesi - chiave, per l’assetto di aree soprattutto est europei (Polonia, Ucraina, Bulgaria, Romania). Negli ultimi mesi ha inoltre “proposto – imposto” l’allargamento del suo scudo missilistico all’Europa Orientale, scatenando innumerevoli polemiche. La Russia, ripresasi lentamente dallo shock determinato dalla caduta libera della fine della Guerra Fredda, ha cominciato a reagire e a mostrare una nuova capacità di elaborazione strategica. La sua è una politica impiantata sul concetto di “multipolarità” da opporre a quello unipolare insito nella realtà degli Stati Uniti. Perciò, abbandonata ogni palese aspirazione di competizione sul piano militare, Mosca ha cominciato a tessere una fitta rete di rapporti:internazionali dalla Cina all’India, dall’Unione Europea all’America Latina fino a giungere ai rapporti stretti con quei paesi che Washington denomina

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondo marino artico
gazprom
ground - based midcourse defense
guerra fredda
la russia e la wto
mondo multipolare
mondo unipolare
north european gas pipeline
nuova guerra fredda
politica energetica russa
politica estera americana
politica estera russa
relazioni russa - mondo
relazioni usa - russia
rivincita del rublo sul dollaro
sakhalin 1 e sakhalin 2
scudo spaziale
sonatrach
southern european gas pipeline
storia della guerra fredda
strategie di difesa militare americana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi