Skip to content

Giochi di ruolo: applicazioni nel settore terapeutico, formativo e ludico

Informazioni tesi

  Autore: Gilberto Fulvi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli studi "La Sapienza" di Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
  Relatore: Maria Amata Garito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

I giochi di ruolo rappresentano una modalità esperienziale basata sull'immaginazione e sulla capacità di immedesimarsi in un personaggio che vive in un certo periodo una determinata situazione. Questa esperienza può concretizzarsi all'interno di un vasto numero di contesti, che il più delle volte riguardano una dimensione puramente estetica, in cui cioè una rappresentazione mimetica viene inscenata attraverso un mezzo che può essere sia di tipo letterario, che teatrale, figurativo o ancora musicale, ma che altre volte ci riguardano molto più da vicino. In questa sede, dunque, la mia attenzione sarà rivolta esclusivamente alle caratteristiche psicologiche dei giochi di ruolo, in rapporto all'uso che ne viene fatto in campo terapeutico, formativo e ludico. In campo terapeutico, ad esempio, il primo a verificare l'utilità del gioco e dell'azione drammatica nella liberazione dei sentimenti repressi fu Jacob Levi Moreno, uno dei fondatori della psicologia moderna, partendo dal "teatro della spontaneità" da lui sperimentato a Vienna nel 1921. Nello psicodramma classico un direttore - che è un terapeuta - con l'aiuto di alcuni assistenti, invita un paziente a rappresentare scenicamente una situazione, di vita reale, per lui conflittuale, mettendosi a confronto con un antagonista. Anche in campo educativo fu Moreno stesso ad avvertire per primo il valore pedagogico della drammatizzazione e chiamò "tecniche di role-playing" le applicazioni del "teatro della spontaneità" a fini formativi, questa tecnica rientra all'interno del settore delle simulazioni giocate, ossia un modo di apprendere dall'esperienza, basato sulla possibilità di agire in situazioni di vita reale o verosimili, e di ricevere feedback dal formatore e dai partecipanti.In campo ludico troviamo i cosiddetti role-playing game che corrispondono ad un particolare tipo di gioco da tavolo in cui i giocatori assumono i ruoli da protagonisti di una situazione avventurosa, sotto la guida di un direttore di gioco (genericamente definito "Dungeon Master" o semplicemente "DM") il quale descrive lo scenario in cui ci si muove, interpreta il ruolo di ogni singolo personaggio non assegnato ad altri, risolve le azioni intraprese applicando determinate regole di simulazione.
In questi ultimi anni, grazie all'ausilio delle nuove tecnologie ed in particolar modo del computer, si sono sperimentate numerose trasposizioni informatiche dei giochi di ruolo. A tal proposito esistono programmi per computer capaci di rappresentare, per mezzo di un modello matematico, un sistema reale. Si creano così ambientazioni, situazioni artificiali, in cui è possibile addestrarsi o apprendere attraverso i feedback presenti nel sistema. In questo modo è possibile manipolare il modello in modo da rendere visibili cambiamenti e processi che altrimenti non sarebbero stati percepibili osservando la situazione naturale, perché avrebbero richiesto tempi troppo lunghi o perché avrebbero comportato costi e rischi eccessivi. Un altro vantaggio offerto dalle nuove tecnologie riguarda la possibilità di ottenere delle simulazioni multiutente, ossia, accessibili a più persone contemporaneamente. Per mezzo di una rete telematica si crea così una realtà sociale condivisa, in cui ai feedback matematici si aggiungono quelli umani. In tal modo viene ad essere coinvolta non solo l'abilità del giocatore ma l'identità stessa della persona che gioca.
Come è facile intuire lo spettro applicativo dei giochi di ruolo è vastissimo e un dato interessante che emerge in questa tesi, è che il segreto delle potenzialità di una tale tecnica risiede nell'avere una struttura operativa comune. Gli elementi fondamentali di una tale struttura rigurdano le componenti di base, ossia le parti in relazione, quali la scena, il soggetto, il direttore, degli antagonisti e un uditorio, e ad alcuni momenti principali, ossia i tempi di relazione, quali, il riscaldamento, l'azione, la partecipazione e il debriefing.
Quello che cambia è il fine della tecnica, il modo di utilizzarla e quindi le competenze del direttore di "gioco" ma a rigor di logica gioco, educazione e terapia non sono mai state così vicine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I giochi di ruolo rappresentano una modalità esperienziale basata sull'immaginazione e sulla capacità di immedesimarsi in un personaggio che vive in un certo periodo una determinata situazione. Questa esperienza può concretizzarsi all'interno di un vasto numero di contesti, che il più delle volte riguardano una dimensione puramente estetica, in cui cioè una rappresentazione mimetica viene inscenata attraverso un mezzo che può essere sia di tipo letterario, che teatrale, figurativo o ancora musicale, ma che altre volte ci riguardano molto più da vicino. In questi casi si è più partecipanti che spettatori e, anche se non si prende parte all’azione, si ha sempre l’occasione di dare il proprio contributo; una situazione questa che mi ha sempre affascinato e che è orientato fino all’ultimo la scelta circa l’argomento su cui elaborare una tesi in psicologia (vedi appendice B). In questa sede, dunque, la mia attenzione sarà rivolta esclusivamente alle caratteristiche psicologiche dei giochi di ruolo, in rapporto all'uso che ne viene fatto in campo terapeutico, formativo e ludico. In campo terapeutico, ad esempio, il primo a verificare l'utilità del gioco e dell'azione drammatica nella liberazione dei sentimenti repressi fu Jacob Levi Moreno, uno dei fondatori della psicologia moderna, partendo dal "teatro della spontaneità" da lui sperimentato a Vienna nel 1921. 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acting out
automi cellulari
dungeons
game
identità multiple
luca giuliano
mondi artificiali
moreno
mud
psicodramma
role-playing
simulazione
sociogramma
spontaneità
supply chain
videogame
videogiochi
vita virtuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi