Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno scandalo italiano: l'Espresso e il ''caso Sifar''

L'obiettivo del lavoro è sviluppare una migliore conoscenza dei fatti che segnarono l'Italia nel periodo 1964-1967. La scoperta di un colpo di Stato organizzato dal generale de Lorenzo e dall'Arma dei carabinieri nel 1964 fu fatta tre anni dopo dai giornalisti dell'Espresso e sconvolse il mondo politico italiano. La tesi ripercorre innanzitutto il contesto all'interno del quale maturò l'idea del colpo di stato, analizzando lo scenario politico italiano e mondiale durante la guerra fredda. Tale scenario è infatti determinante per comprendere gli eventi che seguirono. Successivamente vengono ripercorse le varie fasi che portarono all'elaborazione del Piano Solo, così chiamato perchè avrebbe visto la partecipazione solo dell'Arma dei carabinieri. Dalla raccolta di schede relative a personalità importanti del mondo politico e istituzionale italiano fino al tentativo, mai messo in atto, di arrestare i vertici dei partiti e dei movimenti di sinistra. Infine vengono esposti i momenti chiave della ricostruzione degli eventi fatta dai giornalisti dell'Espresso, Lino Jannuzzi e l'allora direttore Eugenio Scalfari. In questo modo vengono anche chiarite le posizioni dei vari esponenti politici chiamati in causa dal Piano Solo. La posizione dell'Espresso viene anche confrontata con quella del Tempo, un altro autorevole settimanale del periodo, mettendo in evidenza le diverse scente editoriali nei confronti di un avvenimento che ha, ad ogni modo, modificato la storia d'Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Gli anni Sessanta Gli anni Sessanta sono stati uno dei periodi più ricchi e fecondi di cambiamenti della storia italiana. Immediatamente successivi al boom economico, infatti, sono stati anni di profonde trasformazioni e di esperimenti politici che hanno mutato il panorama politico e sociale del nostro Paese. Negli anni Sessanta si è assistito al primo tentativo di realizzare il centrosinistra in Italia e, sul finire del decennio alle contestazioni operaie e studentesche. Sono stati anni di transizione tra l’immobilismo politico degli anni Cinquanta e il super attivismo, purtroppo degenerato nel crimine, degli anni Settanta. Sono stati anni contraddittori. E continuano ad esserlo ancora oggi nel giudizio di numerosi storici, che non sono concordi se ritenere questo decennio la grande vittoria della democrazia, con l’ingresso del PSI nelle compagini governative e le manifestazioni di piazza e la partecipazione diretta del popolo alla vita e alle esigenze della “cosa pubblica” o se considerare quelle stesse manifestazioni come l’espressione più alta del fallimento della capacità dei partiti di rispondere alle esigenze e alle

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Grimaldi Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1161 click dal 23/10/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.