Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La legittimazione dei brand presso i gay consumer: document analysis in una prospettiva cross-culturale

Questo lavoro si pone due obiettivi: il primo è quello di esplorare i processi di legittimazione di un brand o di un prodotto nella comunità gay. Capire, cioè, quando questo ha a che fare con degli aspetti socioculturali della comunità e in che misura l’azienda è gay-friendly e sostiene cause e valori della comunità. Il secondo obiettivo è poi quello di ricercare, attraverso un’attenta analisi sulla dimensione nazionale e settoriale, analogie e differenze tra tali processi di legittimazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Obiettivi e metodo In un contesto di mercato saturo, qual è quello di oggi, le imprese si affannano alla ricerca di segmenti non ancora coperti a cui vendere i propri prodotti, i cosiddetti “sleeping target”. Sfruttando le differenze in tratti demografici, motivazioni, culture, processi percettivi, che si traducono in conseguenti differenze a livello di comportamenti di consumo, queste stesse imprese cercano di offrire un prodotto consono ai gusti, usi e costumi dei miliardi di individui che popolano il globo. Con la sofisticazione dell’offerta, tuttavia, la ricerca di un nuovo segmento da aggredire diventa sempre più difficile. Solo da pochi anni, e con forti differenze tra Paesi, i committenti di pubblicità hanno preso in considerazione la “comunità omosessuale” come potenziale rilevante fetta di mercato a cui rivolgersi. Il perchè le imprese si siano mosse solo in tempi così recenti è da ricondursi almeno a due principali cause: 1. in primo luogo, stereotipi e pregiudizi di cui gli omosessuali erano oggetto in tempi passati, e di cui risentono in parte ancora oggi, inibivano le imprese dal considerarli un potenziale target a cui offrire i propri prodotti, pena la perdita dei loro attuali e molto più numerosi clienti. 2. In secondo luogo, come vedremo, il target non è facilmente individuabile: estremamente differenti sono i gusti di gay, lesbiche, transessuali e bisessuali, e all’interno della stessa comunità di soli gay, segmento di cui mi occuperò in questo lavoro, si denota l’individualità dei soggetti nei comportamenti d’acquisto. Questo amplifica le difficoltà per le imprese a ricercare e produrre un prodotto che possa soddisfare un numero tanto elevato di soggetti da giustificarne i costi di produzione e marketing. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Genny Alesi Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 994 click dal 18/10/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.