Skip to content

L'evoluzione giuridica della donna italiana

Informazioni tesi

  Autore: Maria Giada Curia
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II Livello in Politica e Politiche di genere
Anno: 2007
Docente/Relatore: Donatella Loprieno
Istituito da: Università degli Studi della Calabria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

La condizione giuridica della donna è inevitabilmente legata alle idee sulla donna stessa, sulla famiglia, sui rapporti tra uomo e donna, radicate nella cultura e nella società.
È piuttosto diffusa l’opinione secondo cui il problema della parità sarebbe ormai superato: le donne votano, hanno gli stessi diritti degli uomini, stesse opportunità di studio e di lavoro.
A livello giuridico, in effetti, molte discriminazioni sono cadute e nella maggior parte dei settori la condizione della donna è equiparabile a quella dell’uomo. Il problema della parità, tuttavia, appare ancora oggi non risolto del tutto.
Alcune discriminazioni permangono: è il caso del cognome di famiglia, poiché ci sono Paesi, tra cui l’Italia, in cui i figli acquistano automaticamente il cognome del padre e non quello della madre, o di entrambi, o di uno dei due a scelta, come avviene in altri ordinamenti. La legislazione, inoltre, non è alle volte sufficiente ad assicurare una parità effettiva. È dimostrato per esempio, come le donne continuino a guadagnare meno degli uomini. Nonostante le numerose innovazioni introdotte a livello legislativo, la maternità costituisce tuttora un freno per la carriera delle donne, intervenendo in una fascia di età che normalmente è quella più delicata per lo sviluppo delle carriere professionali.
È importante richiamare per sommi capi l’evoluzione che si è avuta a questo riguardo nel corso della storia.
L’obiettivo di questa tesi è proprio questo, cercare di analizzare l’evoluzione dei diritti delle donne, che è avvenuta nel corso del tempo, e le “conquiste” delle donne nel nostro Paese.
Nel primo capitolo della tesi si affronta una ricostruzione storica che va circa dall’unità d’Italia, analizzando il codice civile italiano del 1865, che stabiliva che la patria potestà spettava ai genitori, al padre come alla madre, a pari titolo, alla nascita della Costituzione nel 1948. Viene messa in evidenza la condizione della donna nella società di quel tempo, e soprattutto la sua condizione nella famiglia, analizzando la normativa relativa alla donna sposata, spostando poi l’attenzione alla legge del 1919 riguardante l’emancipazione femminile. Si fa un’attenta analisi alla disciplina del codice civile italiano del 1942, specie nella parte che regola i diritti della persona e della famiglia, che segna una tappa importante della nostra legislazione.
Nel secondo capitolo: “Verso la parità e verso la differenza”, il percorso storico arriva fino al 1975. Si parla delle donne all’interno delle professioni, con i limiti che esistevano nell’accesso alle cariche pubbliche. Solo nel 1963 si garantì alla donna l’accesso a tutte le cariche, professioni, impieghi pubblici, compresa la magistratura; nel 1975, si sancì la parità contributiva tra uomo e donna; nel 1992 si riconobbe la parità tra uomo e donna per l’accesso alla cittadinanza e nel 1999 le donne furono ammesse al servizio militare.
Viene studiata con attenzione la parità sul lavoro, ambito complesso e complicato. In questa sfera, infatti, i profili della parità sono strettamente connessi a quelli della protezione del lavoro femminile e della maternità.
Il terzo capitolo è incentrato nel “periodo delle riforme”, che va dal 1975 ai giorni nostri. Nel 1975 viene approvata la riforma del diritto di famiglia e si giunse finalmente all'affermazione, quale regola dei rapporti tra coniugi, del principio di parità. Al principio di parità vengono inoltre improntati i doveri verso i figli, i relativi oneri patrimoniali e la titolarità e l'esercizio della potestà.
L'evoluzione del diritto di famiglia ha risentito non poco dell'evoluzione della società italiana che, a partire dal boom economico degli anni Sessanta, passando per i grandi mutamenti nei costumi giovanili avvenuti intorno al cosiddetto «Sessantotto», fino al referendum sul divorzio del 1974, aveva chiaramente mostrato di essersi avviata sulla via della secolarizzazione e del superamento della concezione patriarcale della famiglia.
È un nuovo concetto di famiglia quello che si va affermando in quegli anni. Un concetto fondato sul principio di «responsabilità». Il legislatore si preoccupa, infatti, di dare una maggiore solidità all'istituto familiare attraverso una maggiore responsabilizzazione delle scelte che sono a fondamento sia della nascita che della vita dell'istituto familiare.
Il quarto ed ultimo capitolo, analizza le azioni positive e di mainstreaming avvenute, o ancora in atto, in Italia: le prime misure di riequilibrio della rappresentanza, con le “quote elettorali”; le recenti riforme costituzionali; la delicata questione del nome di famiglia e, per finire, l’accesso delle donne nelle Forze armate, la legge 8 marzo 2000 n. 53 sulle “Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione. La condizione giuridica della donna è inevitabilmente legata alle idee sulla donna stessa, sulla famiglia, sui rapporti tra uomo e donna, così come sono radicate nella cultura e nella società. È piuttosto diffusa l’opinione secondo cui il problema della parità sarebbe ormai superato: le donne votano, hanno gli stessi diritti degli uomini, stesse opportunità di studio e di lavoro. A livello giuridico, in effetti, molte discriminazioni sono cadute e nella maggior parte dei settori la condizione della donna è equiparabile a quella dell’uomo. Il problema della parità, tuttavia, appare ancora oggi non risolto del tutto. Alcune discriminazioni permangono: è il caso del cognome di famiglia, poiché ci sono Paesi, tra cui l’Italia, in cui i figli acquistano automaticamente il cognome del padre e non quello della madre, o di entrambi, o di uno dei due a scelta, come avviene in altri ordinamenti. La legislazione, inoltre, non è alle volte sufficiente ad assicurare una parità effettiva. È dimostrato, per esempio, come le donne continuino a guadagnare meno degli uomini. Nonostante le numerose innovazioni introdotte a livello legislativo, la maternità costituisce tuttora un freno per la carriera delle donne, intervenendo in una fascia di età che normalmente è quella più delicata per lo sviluppo delle carriere professionali. È importante richiamare per sommi capi l’evoluzione che si è avuta a questo riguardo nel corso della storia. Obiettivo del presente lavoro è proprio questo, cercare di analizzare l’evoluzione dei diritti delle donne e le “conquiste” delle donne nel nostro Paese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azioni positive
diritti delle donne
donna
donne in italia
mainstreaming
politiche di genere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi