Skip to content

La religione cattolica e la psicologia clinica: un'analisi della letteratura

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Stefano Biuso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Cecilia Sesto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

La religione da sempre si presenta come una dimensione importante in ogni cultura: cio’ che lega e divide gli uomini, che mostra un percorso da seguire e che può avere un peso influente sulle azioni collettive e individuali. E’ prioritariamente un modo di vedere la realtà, al di là di quelle categorie che la semplice percezione cognitiva può dare, emozionalmente.
Ciascun individuo, nel rapportarsi con la realtà, interpreta, elabora,crea informazioni mediante due modalità peculiari che si influenzano reciprocamente: una modalità emotiva ed una modalità cognitiva.
La connotazione affettiva della realtà e ciò che prioritariamente guida il nostro modo di significare la realtà e di rapportarci con essa. L’emozione individuale nasce e si perpetua in seno a processi sociali, all’interno dei quali vengono co-costruiti significati affettivi condivisi .
La religione come emozione,dunque. Un particolare modo di filtrare la realtà e di rapportarsi con essa. Una modalità condivisa a livello macroscopico e che da sempre ha fatto sentire la sua influenza.
Da questa prospettiva la religione diviene una dimensione che è possibile oggetto di indagine della psicologia. Questo lavoro ha indagato la religione cattolica nelle sue componenti emozionali, mediante un analisi della letteratura principale su cui essa si fonda. Uno spunto anche per il clinico, che potrebbe tenere in considerazione le componenti emozionali appartenenti al vissuto religioso, che si possono presentare nel corso del suo lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La religione , da sempre, si pensa essere una dimensione importante in ogni cultura, in quanto fornisce le risposte a quelle domande che sembrano trascendere l'esistenza terrena (Cesareo 1998). Sappiamo che la psicologia si occupa di vissuti emozionali, mentre la religione di vissuti "spirituali". Il vissuto religioso tuttavia, in quanto “vissuto” è denso di dimensioni emozionali ed è quindi possibile su tali dimensioni un'analisi psicologica. Da qui nasce la psicologia della religione. La psicologia della religione, non mira a vagliare la veridicità dei dogmi religiosi, né è volta allo scopo, deontologico, di trovare un'opportuna morale da seguire e neppure è una psicologia dedotta da premesse teologiche, ossia volta a descrivere e interpretare gli effetti sul comportamento umano dell'azione di esseri sovrannaturali. Bensì essa si occupa di studiare il vissuto della persona negli aspetti legati proprio alla dimensione religiosa, che ne attraversa trasversalmente, tutto l'assetto simbolico- emozionale (Fizzotti-Salustri 2001). Inizialmente gli psicologi che si occuparono di religione, quali Freud e Jung, tendevano a esplorare la figura di Dio come creazione dell'uomo, successivamente psicologi quali Vergote e Godin si concentrarono più sul vissuto psichico degli individui insito nelle dinamiche religiose, questa dimensione venne presto accostata al carattere dell'esperienzialità della religione e nella tradizione transpersonalista divenne un elemento fondamentale nello studio dell'individuo da intendersi come un tutto biopsicospirituale(Fizzotti-Salustri 2001). L'assetto simbolico-emozionale di ogni individuo si costruisce socialmente (Carli 2003), cioè è in stretta connessione con l’interazione individuo-contesto, inteso quale dimensione emozionale socialmente condivisa.. La cultura, per Carli, allora è la simbolizzazione affettiva condivisa di un contesto specifico. Vergote identifica la cultura come un sistema simbolico condiviso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bene
bene e male
blanco
cattolica
cattolicesimo
chiesa
collusione
dio
emozionale
emozioni
fizzotti
freud
fromm
gesù
klein
male
neoemozioni
psicologia
psicologia della religione
religione
salustri
vergote
vissuto religioso
wilber

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi