Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Project Management applicato all'organizzazione dei festival cinematografici. Il caso del Mestre Film Fest

In questa tesi ho cercato di applicare la disciplina del project management ai festival cinematografici. Va detto come questa tesi ha una forte connotazione innovativa in quanto in letteratura il PM è stato applicato all'ambito del settore culturale solo in relazione agli spettacoli dal vivo (si vedano gli scritti di Argano) ma mai alle arti tecnicamente riproducibili. Tra i due settori corre una differenza fondamentale fondata proprio sulla replicazione totale della performance e ciò comporta molte conseguenze sul piano economico e manageriale. L'oggetto dell'analisi è il Mestre Film Fest, uno specifico festival di cortometraggi, che riflette una realtà capillarmente diffusa in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4Introduzione Negli ultimi decenni, a causa di un’evoluzione continua del panorama culturale, la necessità professionalità specifiche e multidimensionali da impiegare nel settore culturale si è fatta impellente. Una di queste è quella del manager artistico che deve essere in possesso di conoscenze sia in campo economico che in campo culturale. Si è assistito cioè al congiungersi di due mondi per lungo tempo agli antipodi: se Immanuel Kant nel diciannovesimo secolo riteneva che l’arte dovesse essere fine a sé stessa, oggi le molteplici organizzazioni culturali per sopravvivere devono fare i conti quotidianamente con il principio di efficacia/efficienza. Il manager culturale deve quindi barcamenarsi tra conoscenze di varia natura, che descrivono realtà molto diverse fra loro, varie almeno quanto lo sono i contesti a cui si fa riferimento quando si utilizza l’aggettivo 'culturale'. Il management culturale approda in Italia solo verso la metà degli anni ottanta e si affaccia su una realtà molto particolare, in uno Stato così ricco di patrimonio artistico, di tradizioni e storia, in cui chi vi operava non ne sentiva la necessità. Bisogna ribadire, quanto la gestione dell’attività commerciale sia profondamente diversa da quella culturale, questo per specificità relative a prodotto, domanda, offerta e rapporti con le istituzioni. Ciò nonostante alcuni modelli di gestione economica, nati in altri settori, si rivelano particolarmente efficaci ed adatti anche al settore della cultura e dell’arte. E’ il caso del Project Management definito come:

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia e gestione delle arti e delle attività culturali

Autore: Fiammetta Santo Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5465 click dal 23/10/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.