Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo per tutti: evoluzione e prospettive del turismo accessibile

Il Turismo accessibile si rivolge a tutte quelle persone che per viaggiare hanno bisogno di vedere soddisfatte alcune esigenze particolari, sia piccole che grandi.
Esso rappresenta a tutt'oggi una nuova frontiera ed una nuova opportunità ancora poco esplorata e conosciuta dal mercato turistico.
Nei primi tre capitoli del presente lavoro ho esaminato la storia, l'evoluzione e la normativa vigente, sia in Italia che in Europa, del turismo accessibile.
Nei successivi due, che insieme rappresentano il cuore della tesi, ho analizzato la Domanda e l'Offerta di Turismo accessibile tenendo conto, di volta in volta, delle principali variabili economiche che lo contraddistinguono.
Infine ho dato uno sguardo alla realtà, evidenziando le Case History più rilevanti sia in ambito nazionale che europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’errore che spesso si commette quando si parla di Turismo Accessibile è quello di accomunare questo settore meramente a quelle persone con disabilità fisiche permanenti, infatti persino il simbolo usato per indicare l’accessibilità o meno di una struttura o di un servizio è la sedia a ruote, ricavandone così una visione quasi medico-ospedaliera di questo tipo di turismo. Bisogna però allargare il modo di vedere e di pensare questo tipo di turismo. Quando parliamo di Turismo Accessibile infatti parliamo prima di tutto di un turismo attento ai “bisogni di tutti”, e quindi con una qualità 1 dell’offerta molto alta, dove per “bisogni di tutti” intendiamo oltre ai disabili anche i bambini, le persone anziane, le mamme con un passeggino, coloro che si muovono lentamente, le persone ipovedenti o non vedenti, persone con problemi di udito, e anche coloro che hanno allergie o problemi di tipo alimentare. Il motivo per cui da anni, ma soprattutto recentemente con una accelerazione di impegno sia umano che finanziario, si sta tentando di rendere fruibile anche alle persone con bisogni speciali la possibilità di viaggiare e di usufruire del patrimonio turistico, è innanzitutto un motivo di crescita morale e civile della società. Non per caso il movimento “Turismo per tutti” è nato dalla caparbietà di alcune associazioni per disabili e imprese sociali che hanno anteposto alla mera crescita economica un maggior senso di responsabilità civile; responsabilità che 1 L’OMT intende la qualità del turismo come: “risultato di un processo che implica la soddisfazione di tutti i bisogni, esigenze e attese legittime di consumatori in materia di prodotti e servizi, a un prezzo accettabile, in conformità con le condizioni concordate, oggetto di un mutuo accordo e gli attributi soggiacenti della qualità sono: la sicurezza e la protezione, l’igiene, l’accessibilità, la trasparenza, l’autenticità e l’armonia dell’attività turistica nei confronti dell’ambiente umano e naturale”. OMT Cuba, settembre 2003 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Fani Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13701 click dal 30/10/2007.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.