Skip to content

Controllo remoto di un sistema di movimentazione

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Di Nitto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria elettrica
  Relatore: Ciro Attaianese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

La tecnologia usata per gli AGV rimase pressoché la stessa fino alla metà degli anni ’70. L’avvento dei controlli a transistor e dei microcontrollori, in seguito, permise notevoli miglioramenti in prestazioni e flessibilità, ma a parte i miglioramenti tecnologici, fu la richiesta del mercato a permettere la diffusione degli AGVs in tutti i campi relativi alla movimentazione dei materiali, diventando uno standard nelle soluzioni attuali. I nuovi veicoli vennero quindi utilizzati nel trasporto di pallets, nei sistemi di produzioni per prodotti non finiti(work in process), nei sistemi di montaggio automotive.
Oggi la tecnologia continua la sua evoluzione. Il filo nel terreno è ancora utilizzato in applicazioni specifiche, sebbene molti sistemi sono oggi equipaggiati con sofisticati computer in grado di far comunicare, dirigere e gestire il veicolo.
Un veicolo a guida automatica offre notevoli vantaggi. Semplifica l’organizzazione della produzione, ottimizzando gli spazi e la disposizione dei materiali in stoccaggio. Rende possibile l’attivazione di turni non presidiati dal personale e la gestione del tracking delle merci direttamente dal terminale. L'AGV sostituisce l'uomo in compiti ripetitivi e particolarmente gravosi. Può inoltre operare in condizioni di particolare rischio, come ambienti ostili all'uomo. La movimentazione dei carichi nel reparto è più sicura perchè ogni veicolo dispone di appropriati sistemi di arresto al fine di prevenire le collisioni verso persone o infrastrutture. Anche dal punto di vista dell’inquinamento i veicoli a guida automatica sono all’avanguardia, i carrelli AGVs sono azionati elettricamente in ogni loro parte. L'energia elettrica viene fornita da una batteria di cui ogni macchina è dotata. Batterie speciali a basse emissioni permettono l'uso anche nei settori alimentari. Questo rende gli AGVs preferibili ai carrelli manuali azionati ad esempio da motori a combustione.
L’obiettivo di questa tesi sperimentale svolta nel LAI, Laboratorio di Automazione Industriale dell’Università degli Studi di Cassino, è la realizzazione di un veicolo a guida automatica con controllo remoto Bluetooth. Il veicolo dovrà essere dotato di controllo di posizione, velocità e corrente con possibilità di impostare una traiettoria riprogrammabile da un computer remoto o un palmare.
Nel primo capitolo della tesi vengono illustrati i sistemi di movimentazione dei materiali in genere e con particolare attenzione i veicoli a guida automatica. Saranno quindi mostrate le principali applicazioni degli AGV, le tecniche di navigazione dalla più semplice con guida vincolata, alle più complesse con guida inerziale. Saranno inoltre mostrate le tipologie di batterie utilizzate, le diverse componenti di un sistema di supervisione e controllo, e i dispositivi di sicurezza utilizzati per gli AGVs.
Nel successivo capitolo si affronteranno più nel dettaglio le principali tipologie di azionamenti elettrici. Verranno mostrati i principali tipi di motori utilizzati nei sistemi di movimentazione, le tipologie di convertitori statici possibili e le più comuni tecniche di controllo, senza mai entrare troppo nello specifico delle singole tecniche.
Il terzo capitolo è stato dedicato all’esposizione dello stato dell’arte di R.E.Mo.5, così come è stato lasciato prima di questo lavoro di tesi. Sarà a tal proposito mostrata la struttura meccanica, l’elettronica di potenza e il controllo implementato. Il capitolo viene concluso da un paragrafo riguardante le specifiche di progetto della nuova realizzazione del robot.
Il quarto capitolo è stato dedicato all’implementazione del controllo di R.E.Mo. 5. Si simulerà in ambiente Simulink il funzionamento dei motori a corrente continua, si analizzeranno in dettaglio risorse e limiti della scheda di controllo, se ne mostrerà la configurazione motivandone le scelte progettuali. Si darà ampia descrizione del codice utilizzato nella programmazione del microcontrollore, si mostrerà il pannello di controllo realizzato in ambiente Labview spiegandone il funzionamento, infine si illustreranno le varie tipologie di comunicazione utilizzate.
Nel quinto ed ultimo capitolo vengono invece mostrati i rilievi sperimentali. Nel primo paragrafo verranno illustrati gli steps fondamentali che hanno portato alla realizzazione definitiva di R.E.Mo.5. Verranno poi commentate prove termiche per mostrare il corretto funzionamento dei motori e convertitori chopper, saranno illustrate le acquisizioni di corrente e tensione in diverse condizioni di funzionamento. Si mostrerà in ultimo l’acquisizione di posizione e velocità effettuata in ambiente LabView.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione - 6 - II Introduzione I veicoli a guida automatica (AGVs) esistono dalla prima metà degli anni ‘50. Un inventore con un sogno concepì un metodo per automatizzare i rimorchi da tempo presenti nelle industrie eliminando la necessità di un uomo a bordo. Egli sviluppò un sistema che permetteva al veicolo di seguire un percorso prestabilito seguendo un filo metallico inserito nel pavimento della fabbrica. Il primo sistema di guida automatica prevedeva sensori di campo magnetico alla base del vicolo. Il campo era creato da una corrente che circolava attraverso un filo o una serie di fili nel terreno. La tecnologia usata per gli AGV rimase pressoché la stessa fino alla metà degli anni ’70. L’avvento dei controlli a transistor e dei microcontrollori, in seguito, permise notevoli miglioramenti in prestazioni e flessibilità, ma a parte i miglioramenti tecnologici, fu la richiesta del mercato a permettere la diffusione degli AGVs in tutti i campi relativi alla movimentazione dei materiali, diventando uno standard nelle soluzioni attuali. I nuovi veicoli vennero quindi utilizzati nel trasporto di pallets, nei sistemi di produzioni per prodotti non finiti(work in process), nei sistemi di montaggio automotive. Oggi la tecnologia continua la sua evoluzione. Il filo nel terreno è ancora utilizzato in applicazioni specifiche, sebbene molti sistemi sono oggi equipaggiati con sofisticati computer in grado di far comunicare, dirigere e gestire il veicolo. Un veicolo a guida automatica offre notevoli vantaggi. Semplifica l’organizzazione della produzione, ottimizzando gli spazi e la disposizione dei materiali in stoccaggio. Rende possibile l’attivazione di turni non presidiati dal personale e la gestione del tracking delle merci direttamente dal terminale. L'AGV sostituisce l'uomo in compiti ripetitivi e particolarmente gravosi. Può inoltre operare in condizioni di particolare rischio, come ambienti ostili all'uomo. La movimentazione dei carichi nel reparto è più sicura perchè ogni veicolo dispone di appropriati sistemi di arresto al fine di prevenire le collisioni verso persone o

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agv
anello
automatica
azionamento
bluetooth
chopper
controllo
corrente
guida
labview
microcontrollore
motore
movimentazione
pid
posizione
protel
remo
remoto
robot
sistemi
st7
trasmissione
veicolo
velocità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi