Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piccola società e fallimento

La tesi si occupa di analizzare la figura della piccola società commerciale, e l'evoluzione che questa ha avuto dal 1942, anno della prima riforma fallimentare italiana, sino al recentissimo decreto correttivo della riforma fallimentare, entrato in vigore nel settembre del 2007. Il lavoro si basa su recentissime osservazioni dottrinali e sulle più importanti sentenze in materia di piccolo imprenditore e piccola società commerciale e fallimento, dal 1942 ad oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1_________________________________________________________________________________________ CAPITOLO UNO I soggetti fallibili secondo la legge fallimentare del 1942. 1.1 Il fallimento e il criterio soggettivo per l’individuazione dell’imprenditore fallibile. Osservazioni generali. Il fallimento, come ogni altra procedura concorsuale, altro non è che un mezzo di composizione della crisi dell’imprenditore, la quale viene risolta tramite una procedura sostanzialmente imposta al debitore, su iniziativa dei soggetti legittimati al fallimento. L’origine dell’istituto è da ricercare nella legislazione basso- medievale, nel terreno mercantile, non solo perché il fallimento si rivolge ai mercanti, ma soprattutto perché le norme ad esso relative si trovano quasi tutte nello statuto della universitas mercatorum 1 ; ciononostante, numerosi sono gli esempi, risalenti a legislazioni successive, di estensione del fallimento anche a chi non esercitava l’attività di mercatura 2 . Le ragioni dell’adozione di questo particolare 1 PECORELLA - GUALAZZINI, in Enciclopedia del diritto, 1967, vol. 16, p. 221. Le testimonianze delle normative milanesi e fiorentine, infatti, lasciano trasparire la stretta connessione tra l’attività mercantile e l’istituto del fallimento. 2 GUGLIELMUCCI Diritto fallimentare - La nuova disciplina delle procedure concorsuali giudiziali, Torino, 2006, p. 17 ss. 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Manuela Calautti Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3700 click dal 06/11/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.