Skip to content

Le misure cautelari personali: la compatibilità delle condizioni di salute del ristretto

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Patti
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in diritto processuale penale/diritto penale
Anno: 2005
Docente/Relatore: Giuseppe Scozzari
Istituito da: Università degli Studi di Palermo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Oggetto del presente lavoro è un tema sempre ricorrente nelle cronache giudiziarie ovvero quello delle misure cautelari personali, guardate sotto una peculiare angolazione: l’applicazione della custodia cautelare nei delitti contro la pubblica amministrazione e la problematica degli eventi suicidiari in carcere. Pertanto si è voluto partire dal principio del minimo sacrificio, principio elaborato dalla dottrina giuridica per cui s’intende il rapporto intercorrente tra le libertà dell'individuo in rapporto alla natura e all'intensità degli interventi cautelari e alla natura e all'intensità delle esigenze che devono giustificarli.
Pertanto in particolare nella prima parte si è voluto trattare in maniera generale le misure cautelari personali, evidenziano però, alcune questioni risolte dalle Sezioni unite della Corte di Cassazione. Una prima questione concerne l’esecuzione delle misure e l’utilizzazione di elementi nuovi nell’appello cautelare. Nodo cruciale è se nel procedimento di appello contro le ordinanze in materia di misure cautelari personali, sia consentita l'acquisizione e l'utilizzazione di elementi probatori sopravvenuti all'adozione del provvedimento impugnato e addotti dalle parti: questione che ha suscitato un forte contrasto interpretativo in seno alla giurisprudenza di legittimità e per cui si sono pronunciate le Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza del 31 marzo 2004 n. 18339.
Una seconda questione riguarda invece la problematica relativa all’art. 27 c.p.p. relativamente all’interrogatorio (c.d. di garanzia) della persona sottoposta a misura cautelare personale. Infatti secondo tale norme “le misure cautelari disposte dal giudice che, contestualmente o successivamente, si dichiara incompetente per qualsiasi causa cessano di avere effetto se, entro venti giorni dalla ordinanza di trasmissione degli atti, il giudice competente non provvede a norma degli art. 292, 317 e 321”. La questione è se il giudice competente che deve preoccuparsi in merito alle misure cautelari personali disposte da giudice incompetente per qualsiasi causa, sia tenuto anche ad effettuare un proprio interrogatorio di garanzia. Tale quesito è stato oggetto di diverse pronunce delle singole sezioni della Suprema Corte alquanto discordanti che hanno comportato la pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite del 26 Settembre 2001 n. 29.
Questa tesi essendo a carattere interdisciplinare si occupa nella seconda parte dei delitti contro la pubblica amministrazione con un particolare evidenza ai reati di corruzione, concussione ed abuso di atti di ufficio. Reati si ricorderà oggetto di un periodo che sicuramente “cruciale” per il nostro Paese, ovvero dell’avvento dell’inchiesta “mani pulite” che ha portato alla demolizione dell’apparato corruttivo di tangentopoli agli inizi degli anni 90. Questo periodo è stato però anche caratterizzato da alcuni eventi “traumatici” legati a tale inchiesta (anche di riflesso) ovvero i suicidi di alcuni soggetti destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.
Argomento, questo, oggetto della parte finale di questo lavoro, che sicuramente è tanto interessante, quanto , però, problematico. Infatti si è voluto mettere in evidenza i rapporti fra le condizioni di salute del detenuto e la sua compatibilità con la custodia cautelare in carcere tenendo presente degli effetti della carcerazione preventiva nella psiche del detenuto.
Si precisa però che non si è voluto (e neanche potuto) dare delle certezze in una materia quale è la psicologia ove si può dire tutto e il contrario di tutto.
A maggior ragione se si ci addentra nei meandri della mente umana rapportata ad un evento tragico quale è il suicidio. Pertanto in questo lavoro non si troverà un perché assoluto del suicidio in sè, ma alcuni dei possibili motivi che possono variare dalla individualità del detenuto (che comprende anche il carattere, il ceto sociale, il livello culturale etc.) incompatibile con il sistema carcerario, a vere e proprie patologie quali possono essere la depressione e il disturbo bipolare della personalità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I Le misure cautelari 1.1 Cenni introduttivi; 1.2 Le misure cautelari personali tra il principio di legalità e riserva di giurisdizione; 1.3 Le condizioni generali di applicabilità e le esigenze cautelari; 1.4 I “gravi indizi di colpevolezza” fra l'emissione di una misura cautelare ed il quadro probatorio richiesto per il rinvio a giudizio; 1.5 Le misure coercitive e interdittive; 1.6 Il regime di custodia cautelare in carcere; 1.7 Esecuzione delle misure e utilizzazione di elementi nuovi nell’appello cautelare: Cass. SS.UU n.18339/04; 1.8 L’interrogatorio della persona sottoposta a misura cautelare personale: la problematica attorno all’art. 27 c.p.p.. 1.1 Cenni introduttivi Lo sviluppo della tematica centrale di questo lavoro riguarda le misure cautelari personali ed in particolare la custodia cautelare in carcere sotto il profilo però della personalità dell’indagato/imputato di alcuni reati quali quelli contro la pubblica amministrazione rapportata, però, alle conseguenze scaturenti dal contatto con l’ambiente carcerario. Si tratterà inizialmente delle misure cautelari in generale dando rilievo ad alcune questioni che hanno acceso notevoli dibattiti in seno alla giurisprudenza risolte dalle sezioni unite della Suprema Corte. In particolare verrà trattata tra l’altro della problematica concernente l'acquisizione e l'utilizzazione di elementi probatori sopravvenuti all'adozione del provvedimento impugnato, nel procedimento di appello contro le ordinanze in materia di misure cautelari personali, questione risolta dalla pronuncia delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione del 31 marzo 2004 n. 18339. Altresì ci si ci soffermerà sulla controversa questione della efficacia della disposizione di una misura cautelare, a norma dell'art. 27 c.p.p., da un giudice, dichiaratosi contestualmente o successivamente incompetente ed oggetto della sentenza della Corte di Cassazione SS. UU. del 26 Settembre 2001 n. 29. Passando alle misure cautelari personali, queste consistono in limitazioni della libertà personale, disposte dall’autorità giudiziaria in presenza di alcuni presupposti individuabili nelle condizioni generali di applicabilità nelle esigenze cautelari. Il decorso del tempo necessario alla conclusione della vicenda processuale mette infatti, normalmente a rischio il raggiungimento degli scopi connessi ad un efficace esercizio della funzione giudiziaria penale. Per evitare tale rischio il libro quarto del codice di procedura penale predispone una serie di misure cautelari di carattere sia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcere
concussione
corruzione
custodia
disturbo bipolare
misura cautelare
suicidi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi