Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mondo di Frances Hodgson Burnett: The Secret Garden, Little Lord Fauntleroy e A Little Princess

Il mondo di Frances Hodgson Burnett: The Secret Garden, Little Lord Fauntleroy e A Little Princess.

La maggior parte della gente getta via la propria infanzia come fosse un vecchio cappello. La dimenticano come un numero di telefono che non serve più. Prima erano bambini, poi sono diventati adulti, ma cosa sono ora? Soltanto chi diventa adulto e resta bambino è un uomo!
Erich Kästner

La letteratura per ragazzi mi ha sempre affascinata, perché credo che sia più difficile per un adulto scrivere per dei bambini, piuttosto che per altri adulti. Spesso ci si dimentica di essere stati bambini. Chi scrive un libro per bambini deve entrare in un altro mondo, in un universo che ha abbandonato da tempo; ricordare chi è stato in un periodo della vita nel quale ormai non si riconosce più. Far interessare un bambino o un ragazzo a un libro non è un’impresa facile: bisogna attrarne l’attenzione in ogni pagina e fare in modo che si identifichi nella storia. Frances Hodgson Burnett ci è riuscita.
I motivi che mi hanno portata a scrivere la mia tesi proprio sulla Burnett risalgono alla mia infanzia. Sono arrivata a conoscere questa autrice attraverso i cartoni animati che venivano trasmessi in televisione intorno agli anni Ottanta e Novanta, per poi scoprire che erano stati tratti da tre romanzi: The Secret Garden, Little Lord Fauntleroy e A Little Princess. Questi romanzi sono famosi in tutto il mondo, anche se spesso non vengono associati immediatamente al nome dell’autrice. Siamo di fronte a un caso analogo a quello di Sir Arthur Conan Doyle e Sherlock Holmes: tutti conoscono l’ormai famoso personaggio letterario, ma pochi il suo autore.
Il personaggio che ho riscontrato essere il più famoso tra quelli dei romanzi della Burnett è Cedric, il piccolo Lord, ma ben pochi conoscono il nome della sua creatrice. Mary, Cedric e Sara, come Sherlock Holmes, sono personaggi talmente realistici da sembrare vivi e restare impressi nella mente del lettore, lasciando in ombra l’autrice.
Attraverso la mia tesi ho esaminato questi tre romanzi, soffermandomi più a lungo, tuttavia, su The Secret Garden, ma anche cercando di rendere più viva l’immagine di un’autrice che troppo spesso resta in secondo piano.
Nel primo capitolo ho inserito la biografia dell’autrice.
Nel secondo capitolo si parlerà del capolavoro della Burnett: The Secret Garden e nel terzo capitolo verranno analizzati i due romanzi Little Lord Fauntleroy e A Little Princess, con riferimento ad alcuni testi critici. Ho sottolineato anche le similitudini tra i personaggi della Burnett e quelli di Joanne Kathleen Rowling nell’ormai famosa saga di Harry Potter.
Infine, nell’appendice ho raccolto le opinioni di due scrittrici contemporanee per bambini, quali la giornalista italiana Roberta Rizzo, in arte Moony Witcher, e Polly Horvath, e della professoressa Elisabeth Rose Gruner, docente all’Universtà di Richmond.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Die meisten Menschen legen ihre Kindheit ab wie einen alten Hut. Sie vergessen sie wie eine Telefonnummer, die nicht mehr gilt. Früher waren sie Kinder, dann wurden sie Erwachsene, aber was sind sie nun? Nur wer erwachsen wird und Kind bleibt, ist ein Mensch! Erich Kästner 1 La letteratura per ragazzi mi ha sempre affascinata, perché credo che sia più difficile per un adulto scrivere per dei bambini, piuttosto che per altri adulti. Spesso ci si dimentica di essere stati bambini. Chi scrive un libro per bambini deve entrare in un altro mondo, in un universo che ha abbandonato da tempo; ricordare chi è stato in un periodo della vita nel quale ormai non si riconosce più. Far interessare un bambino o un ragazzo a un libro non è un’impresa facile: bisogna attrarne l’attenzione in ogni pagina e fare in modo che si identifichi nella storia. Frances Hodgson Burnett ci è riuscita. I motivi che mi hanno portata a scrivere la mia tesi proprio sulla Burnett risalgono alla mia infanzia. Sono arrivata a conoscere questa autrice attraverso i cartoni animati che venivano trasmessi in televisione intorno agli anni ottanta e novanta, per poi scoprire che erano stati tratti da tre romanzi: The Secret Garden, Little Lord Fauntleroy e A Little Princess. Questi romanzi sono famosi in tutto il mondo, anche se spesso non vengono associati immediatamente al nome dell’autrice. Siamo di fronte a un caso analogo a quello di Sir Arthur Conan Doyle e Sherlock Holmes: tutti conoscono l’ormai famoso personaggio letterario, ma pochi il suo autore. 1 La maggior parte della gente getta via la propria infanzia come fosse un vecchio cappello. La dimenticano come un numero di telefono che non serve più. Prima erano bambini, poi sono diventati adulti, ma cosa sono ora? Soltanto chi diventa adulto e resta bambino è un uomo!

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elisa Sartarelli Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2461 click dal 07/11/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.