Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un caso di conflitto d'attribuzioni tra Stato e Regioni: la recente giurisprudenza costituzionale in materia di condono edilizio.

in questa tesi è approfondito il rapporto tra il nuovo titolo V della Costituzione e il condono edilizio in particolare riguardo ai casi di conflitto di attribuzioni tra lo Stato e le regioni d'Italia. La soluzione data dalla Corte Costituzionale nel 2006 appare l'unica forma di bilanciamento degli interessi offerta dopo la legge 326/2003.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE 1. IL NUOVO TITOLO V DELLA COSTITUZIONE A SEGUITO DELL’ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3 DEL 2001. Il Titolo V della seconda parte della nostra Costituzione è stato oggetto di un’ampia riforma, avvenuta mediante l’approvazione della legge costituzionale n. 3 del 2001 1 . Tale mutamento ha inciso sui rapporti tra gli enti costitutivi della Repubblica 2 - Enti locali, Regioni e Stato e le Regioni - modificandone profondamente, tra l’altro, la ripartizione delle competenze e il profilo fiscale. Nel titolo V della Costituzione del 1948 alla Regione erano conferite anche funzioni legislative, peraltro di scarso peso. In sostanza era garantita la prevalenza delle scelte politiche centrali su quelle locali. Si può affermare che il “vecchio” Titolo V, da un lato avrebbe potuto consentire alle Regioni di presentarsi come veri e propri enti di governo, in quanto dotate di autonomia politica da esercitare mediante leggi e atti generali di indirizzo e, dall’altro, le relegava al 1 Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, “Modifiche al titolo V della parte seconda della Cost.” in G.U. n. 248 del 24 ottobre 2001. 2 Ora, ai sensi del nuovo art. 114 Cost., Regioni, Province e Comuni non sono più in un rapporto di gerarchico di cui lo Stato occupa il vertice, bensì in un rapporto di parità, di separazione delle competenze e di soggezione ai medesimi limiti.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Elisa Gargiulo Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 996 click dal 12/02/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.