Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disciplina della mobilità interaziendale

Le procedure per la messa in mobilità, i requisiti oggettivi e soggettivi per l'indennità.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo 1 Normativa di riferimento La legge 23 luglio 1991, n. 223, entrata in vigore l'11 agosto 1991, pone in essere una vera e propria riforma della disciplina del mercato del lavoro, dando così attuazione alla direttiva Cee n. 75/129 sui licenziamenti collettivi. La legge n. 223 regola la materia, che possiamo genericamente definire dei licenziamenti collettivi, attraverso due strumenti: 1. i licenziamenti per "riduzione del personale" (art. 24); 2. il "collocamento in mobilità" o "messa in mobilità" (artt. 4 e 5). Mentre i licenziamenti per "riduzione del personale" sono, in pratica, lo strumento tradizionale di licenziamento plurimo, la "messa in mobilità" rappresenta la vera novità della legge 223/1991, e riguarda il licenziamento di chi ha usufruito immediatamente prima della Cassa integrazione guadagni, e può essere anche di una sola persona.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Masciocchi Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1609 click dal 23/01/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.