Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'agenzia immobiliare del futuro: da luogo di mediazione a polo aggregativo di funzioni e servizi

Riposizionamento competitivo delle agenzie immobiliari

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’idea di un elaborato sulle agenzie immobiliari e sull’operato degli agenti in intermediazioni immobiliari, nasce dal fatto che, questa professione ha mostrato livelli di redditività altissimi e crescenti negli ultimi otto anni, senza che ciò fosse ascrivibile a particolari abilità o prestazioni svolte dagli operatori. Questo boom di introiti ha avuto origine dalla congiuntura di tre fattori: aumento costante del numero di transazioni annue, della domanda e del prezzo di tutte le tipologie di immobili. Se si considera che dal 1998 al 2006 il prezzo degli immobili è cresciuto dell’ 87% in termini nominali e del 57,2% in termini reali (Fonte: Nomisma 2006), si capisce quanto la professione di mediatore immobiliare sia stata remunerativa. Ciò ha finito col premiare indiscriminatamente tutti gli operatori del settore edile e, di conseguenza, anche i mediatori immobiliari, benché molti di costoro non abbiano mai offerto prestazioni qualificate, trascurando sistematicamente la qualità del servizio offerto e l’ascolto dei bisogni del consumatore. Fino al 2006 la competitività del settore è rimasta moderata, ma in prospettiva diverrà sempre più pressante, vista l’assenza di barriere all’entrata, le novità introdotte con la Finanziaria 2007 e i bassi costi di start up dell’attività. La competizione è destinata ad aumentare anche per motivi endogeni al sistema immobiliare, dato che il ciclo di crescita sembra essersi quantomeno arrestato, rendendo il settore un poco asfittico. Il mercato dell’immobiliare ha subito, a partire dal 2006 un rallentamento, sia in termini di volumi di compravendite, dopo il record del milione di transazioni del 2005, sia in termini di aumento dei prezzi di vendita e canoni di locazione. Ciò significa che, mentre stanno aumentando le agenzie che intraprendono l’attività, contemporaneamente si effettuano meno compravendite e locazioni. Al contempo, si incassano meno soldi dalle provvigioni susseguenti. Come se non bastasse, si allungano i tempi medi di vendita degli immobili,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia

Autore: Marco Sala Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3819 click dal 14/11/2007.

 

Consultata integralmente 32 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.