Skip to content

Il Giudice di Pace: alla ricerca della frontiera efficiente

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Busato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Massimiliano Castellani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

La crisi del sistema giudiziario italiano, che si manifesta nell’eccessiva lunghezza dei procedimenti giudiziari, è alla base di questa tesi di laurea. Nei dibattiti sull’inefficienza del sistema giudiziario ci si chiede se in Italia i giudici siano troppo pochi rispetto alle cause o se sia siano inefficienti, comunque, l’accumulo dei procedimenti pendenti non sembra arrestarsi e ciò comporta la congestione dell’attività dei tribunali nonché ritardi nei tempi di chiusura dei processi.
Si è voluto, quindi, indagare la struttura del sistema giudiziario italiano partendo “dal basso” della sua organizzazione, analizzando cioè l’efficienza degli uffici dei Giudici di Pace (GP), la cui istituzione aveva lo scopo proprio di “tamponare” l’emergenza fascicoli (le cause pendenti) e di “sbrogliare” l’arretrato sia civile che penale delle cause “bagatellari” (le cause minori).
Oggi i GP sostengono di “lavorare di più” rispetto ai colleghi togati ma di godere di minori diritti: oltre ad essere etichettati come “giudici non togati” per non aver ottenuto la nomina dopo il superamento di un concorso pubblico, sono dei precari a tempo o a cottimo. Nella presentazione di tale figura istituzionale (nel capitolo 1) si i evidenzieranno le differenze del ruolo dei GP rispetto ai magistrati ordinari: non solo per il procedimento di nomina, ma anche per quanto riguarda la divisione della competenza nelle materie civili e penali e soprattutto per ciò che concerne il trattamento economico. I dati relativi alla presenza dei GP nel territorio e quelli relativi al contenzioso di loro competenza evidenziano come la presenza di tale figura sia ormai estesa e radicata nella cultura del nostro Paese.
Poiché l’oggetto di questa tesi è volto all’analisi di efficienza e di efficacia di questo organo per riflettere sulle funzionalità e soprattutto sulle sue potenzialità, nel capitolo 2 si presenteranno dei modelli econometrici che permettono di analizzare in termini quantitativi le variabili normative. Oltre all’analisi statistica (che si effettua mediante l’uso di indici) si utilizzeranno modelli parametrici e non parametrici per analizzare un insieme di unità organizzative e valutarne l’efficienza relativa rispetto al proprio benchmark, cioè si individua l’unità ottima con cui confrontare le prestazioni delle altre unità. Nella particolarità del metodo Data Envelopment Analysis (DEA) l’efficienza relativa di ciascun distretto è calcolata come distanza radiale dalla frontiera efficiente, definita dalle unità ottimali. Questo metodo, una volta determinati i distretti inefficienti, permette anche di individuare le variazioni dei fattori necessarie affinché tali distretti inefficienti emulino il proprio benchmark.
Nel capitolo finale si raccoglieranno in forma tabellare o grafica i dati raccolti sull’attività dei GP: il carico di lavoro affrontato, i distretti, la tipologia delle materie di competenza giurdica, la misura del contenzioso che i GP riescono ad assorbire rispetto alla magistratura ordinaria, ma anche l’organico e le spese di giustizia dei GP divisi per anni e per distretti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
    2! #!-4 +!!*% !#4    #-  9 !! /  $    !    /  !!*++  !     #     4!#4!!  ++-   $-  !* !      /: !#!!*%. /!4; 4 39%!-$-#!! # !<! /= !!   #- ! 9!*++#!++>?-! %%!< =!* #+!>! ?</#!=!*%!4!!! </#!!=>! ? 7###<!%@=!!#4 # # !4  <#    #=      %    !       !  //!-   !!!+#!>!! ? %!++!! # !!  - 4$ #!%!! !! %!!     :  4    !           !%  !!        !      $!!  !%  ! ! % !! +# !!!! 4;!*##$9%!!!*!++   ++   $  #   +!  !!    +!.   !!!.-!!  !!     4       !      $%  ! %/!  % 7! !!*!    >4  ++    !*    ?    !.    !!        !         .  #%  

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

congestione tribunali
efficienza giustizia
efficienza gudici
giudice di pace
giudici di pace
giudici tribunali
giudiziario
giustizia
politica economica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi