Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato fieristico internazionale: caratteristiche, evoluzione, criteri di scelta per le imprese

Si tenterà di dare una visione globale del mercato fieristico, a partire dagli aspetti che da sempre storicamente hanno favorito lo sviluppo di tale attività, identificandone tipi e classificazioni con diversi criteri, per poi analizzare quali siano ad oggi i problemi che il settore presenta.
Seguirà poi una breve classificazione, in base a diversi parametri delle fiere, per analizzare quali siano le variabili strategiche su cui debba puntare un'organizzazione fieristia in funzione della customer satisfaction.
In particolare si porrà attenzione alla crescente importanza dei servizi paralleli come valore aggiunto al servizio fieristico e leva di marketing, soprattutto per quanto riguarda il congressuale, e alla recente nascita delle fiere virtuali.
L'ultima parte è dedicata all'analisi del confronto tra domanda e offerta.
Relativamente all'offerta, si descriveranno il modo in cui si possa differenziare ed i diversi soggetti organizzatori di eventi: enti fieristici, associazioni, o privati, con alcuni esempi relativi alle organizzazioni leader.
Verrà poi analizzata la filiera delle attività del settore estendendo anche un breve confronto internazionale al riguardo e delinandone il modello emergente.
Dal lato della domanda si prendereanno in considerazione i criteri in base a cui le imprese selezionano eventi a cui partecipare e le modalità di partecipazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il mercato fieristico internazionale: caratteristiche, evoluzione, criteri di scelta per le imprese INTRODUZIONE Le fiere europee ebbero la loro prima opportunità di fiorire grazie all’investimento generale sostenuto nei nuovi quartieri fieristici dopo la seconda guerra mondiale. Questo investimento non si verificò simultaneamente in tutti i paesi, ma nella maggior parte dei casi il finanziamento fu concesso dai governi e da altre istituzioni pubbliche che si resero conto dei benefici economici che ne sarebbero potuti derivare. In alcuni paesi, le condizioni politiche e sociali favorirono lo sviluppo della fiera rispetto ad altri mezzi di promozione, e rafforzarono la sua posizione come principale fonte per il commercio. L’attuale situazione del mercato fieristico presenta, dal lato della domanda, un importante aspetto di necessaria selettività degli eventi da parte delle imprese, che a causa sia dell’elevato numero di manifestazioni presenti sul mercato che della situazione dell’economica, sono costrette a scegliere pochi eventi a cui partecipare con efficienza. Nonostante ciò, oggi c’è una nuova ondata di investimenti addizionali, specialmente in Spagna, Germania, Europa dell’Est e Italia, poichè dopo decenni di ricerca e sperimentazioni dirette, studi di mercato e di esperienza, le fiere si sono rivelate un’efficiente arma di marketing in costante crescita che valesse la pena essere supportata. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Chiara Trotta Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3706 click dal 20/11/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.