Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Lear di Edward Bond. Shakespeare all'ombra di un muro

A partire dalla polemica contro il teatro beckettiano dell'assurdo, Edward Bond scrive i suoi testi teatrali con l'intento di promuovere, attraverso questi, un rinnovamento culturale e sociale della collettività. All'interno del macrotesto bondiano, Lear, a partire dalla rielaborazione del mito shakespeariano, esprime questo legame tra arte e politica nel modo più chiaro possibile. Al termine dell'opera, difatti, l'invito agli spettatori è quello di voltarsi a guardare la parabola umana e politica di Lear, e di conservarla nella memoria. L'unico mezzo, questo, per evitare il ripetersi delle tragedie della storia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Edward Bond e il teatro del Novecento Inglese 1. Il teatro inglese tra Ottocento e Novecento: primi passi verso l’innovazione 1 Tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, il teatro inglese, attraverso le voci dei suoi interpreti più rappresentativi, oscillava tra l’auto esaltazione del mondo borghese e le nuove esigenze sceniche avanzate dai drammaturghi più giovani. La letteratura teatrale fin de siècle rispecchiava, dunque, la società di cui era espressione: l’epoca tardo vittoriana, in cui la borghesia, con i suoi fasti, occupava un ruolo predominante, era riprodotta fedelmente sulle scene, e dunque i drammaturghi tendevano a ricreare sul palco quegli stessi salotti e quelle stesse conversazioni che gli spettatori (borghesi) avevano abbandonato nei propri palazzi un attimo prima di andare a teatro. Il prodotto di questo sistema culturale fu un’identificazione tra scena e platea, tra 1 Credo sia necessario, per inquadrare l’opera teatrale di Edward Bond, definire l’ambito storico-culturale in cui essa si sviluppa. Questa necessità è dettata dal fatto che Bond si è posto sempre come critico ed innovatore rispetto alle esperienze teatrali precedenti, per questo bisogna conoscere a cosa egli si è opposto prima di passare a considerare il modo in cui vi si è opposto. Pertanto inserisco una breve introduzione al teatro del Novecento, che dovrà per forza di cose essere incompleta. Per approfondimenti si veda P. Bertinetti, Il teatro inglese del Novecento, Torino, Einaudi, 2003.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Valeria Tirabasso Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2145 click dal 23/11/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.