Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di affiliazione commerciale: il caso Everlight

IL contratto di affiliazione commerciale: IL CASO EVERLIGHT

1. COME DIVENTARE FRANCHISOR
È ormai un dato di fatto che la formula commerciale del franchising rappresenta oggi il sistema di sviluppo aziendale più diffuso e collaudato delle economie moderne. Tale formula non può che apparire attraente per le aziende con notevoli aspettative di crescita, perché vedono nel franchising la via più efficace per costituire, con investimenti limitati, una rete uniforme per distribuire i propri prodotti e raggiungere la copertura di nuovi mercati. E’ per questo che la formula commerciale del franchising, comportando così grandi vantaggi per una crescita del volume d’affari conseguita con migliori condizioni d’acquisto unite a minori costi di produzione, può, a ragione, essere considerata dalle aziende valida alternativa allo sviluppo diretto. Anche se quasi tutte le attività commerciali possono essere in grado di svilupparsi attraverso il franchising, è opportuno analizzare prima d’ogni altra cosa le motivazioni che spingono a scegliere questa formula. Nel caso in cui un’azienda consideri di scegliere il franchising come sistema per svilupparsi, questa deve, innanzitutto, valutare attentamente la sua redditività e solvibilità, il suo buon posizionamento sul mercato di riferimento e la sua possibilità di realizzare un progetto di franchising capace di raggiungere gli obiettivi attraverso l’apertura di punti vendita franchisee. Tale progetto deve poggiarsi su un’attività commerciale di sicuro interesse, su un’accorta strategia di marketing ed una struttura organizzativa interna in grado di far adeguatamente fronte alla crescita della rete. In mancanza di questi tre elementi indispensabili per cominciare, è meglio non tentare di perseguire uno sviluppo attraverso il franchising. Il potenziale franchisor dovrà tenere presente che una rapida crescita della rete può comportare seri problemi organizzativi e dovrà pianificare attentamente l’apertura dei punti vendita in franchising. Con una crescita ben cadenzata, lo sviluppo del suo marchio sul territorio comporterà un migliore posizionamento dei prodotti riguardo alla concorrenza oltre al rafforzamento del marchio stesso. Un’azienda di recente creazione non potrà scegliere il franchising come formula di sviluppo poiché le sarà necessario sviluppare prima, con l’assistenza d’esperti del settore nella stesura del progetto di sviluppo, il know-how di gestione e di commercializzazione funzionale all’espansione del marchio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il contratto di affiliazione commerciale Tomatis Alberto 3 Il contratto di affiliazione commerciale: IL CASO EVERLIGHT 1. COME DIVENTARE FRANCHISOR ƒ È ormai un dato di fatto che la formula commerciale del franchising rappresenta oggi il sistema di sviluppo aziendale più diffuso e collaudato delle economie moderne. Tale formula non può che apparire attraente per le aziende con notevoli aspettative di crescita, perché vedono nel franchising la via più efficace per costituire, con investimenti limitati, una rete uniforme per distribuire i propri prodotti e raggiungere la copertura di nuovi mercati. E’ per questo che la formula commerciale del franchising, comportando così grandi vantaggi per una crescita del volume d’affari conseguita con migliori condizioni d’acquisto unite a minori costi di produzione, può, a ragione, essere considerata dalle aziende valida alternativa allo sviluppo diretto. Anche se quasi tutte le attività commerciali possono essere in grado di svilupparsi attraverso il franchising, è opportuno analizzare prima d’ogni altra cosa le motivazioni che spingono a scegliere questa formula. Nel caso in cui un’azienda consideri di scegliere il franchising come sistema per svilupparsi, questa deve, innanzitutto, valutare attentamente la sua redditività e solvibilità, il suo buon posizionamento sul mercato di riferimento e la sua possibilità di realizzare un progetto di franchising capace di raggiungere gli obiettivi attraverso l’apertura di punti vendita franchisee. Tale progetto deve poggiarsi su un’attività commerciale di sicuro interesse, su un’accorta strategia di marketing ed una struttura organizzativa interna in grado di far adeguatamente fronte alla crescita della rete. In mancanza di questi tre elementi indispensabili per cominciare, è meglio non tentare di perseguire uno sviluppo attraverso il franchising. Il potenziale franchisor dovrà tenere presente che una rapida

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Tomatis Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2210 click dal 23/11/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.