Skip to content

Impiego dei toolkit nelle comunità di pratica

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Fior
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Roberto Filippini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

La tesi tratta tre dei più attuali temi inerenti lo sviluppo nuovo prodotto: comunità di pratica, lead users e toolkit. Oltre ad argomentare quanto, il principale scopo prefissato nella tesi, è stato quello di ricercare se, almeno dal punto di vista dell’utilizzatore, una possibile fusione tra tollkit e comunità sia allettante; ossia, poter sviluppare non più individualmente, ma cooperando con altri utenti, perseguendo insieme lo stesso progetto, risulti essere attraente. Per capire ciò è stata svolta una ricerca che ha visto la partecipazione di due diversi campioni, ai quali sono state proposte domande per comprendere il loro reale interesse a sviluppare una scarpa da calcio (in questo caso) tramite un toolkit con caratteristiche da comunità.
I risultati ottenuti sono significativi ed importanti per lo scopo inizialmente prefissato. Infatti, i membri dei due campioni hanno dimostrato un maggior interesse per lo sviluppo “di gruppo”, e sono emerse altre importanti elementi rilevanti ai fini pratici. Resta da comprendere se anche le aziende possano essere interessate a quest’idea, la quale potrebbe portare loro ulteriori benefici commerciali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel mondo moderno con il quale quotidianamente ci relazioniamo, le aziende devono confrontarsi con un continuo evolversi delle necessità del consumatore. Se negli anni cinquanta, per rispondere al semplice bisogno di trasferirsi da un luogo ad un altro ci si “accontentava” di un’automobile che disponesse delle caratteristiche basilari, oggigiorno invece il consumatore desidera disporre di un mezzo di trasporto che lo soddisfi “a 360 gradi”; nel caso specifico dell’automobile non esiste più il solo bisogno di spostarsi, ma inoltre sorge quello di essere comodamente avvolti dal sedile, disporre di una temperatura ottimale all’interno dell’abitacolo, poter ascoltare musica se lo si desidera, disporre di prestazioni motoristiche elevate con consumi ridotti,ecc… Da questo semplice esempio si nota una certa linearità tra crescita dei bisogni e sviluppo tecnologico:all’aumentare dei primi evolve di pari passo anche la tecnologia: più accresce la sensazione di dover soddisfare nuovi bisogni (reali o fittizi essi siano), più è stimolato lo sviluppo tecnologico e di conseguenza più quest’ultimo è in grado di proporre nuovi prodotti. Su questo comune modello si basano tuttora la maggior parte delle aziende produttrici: esplicitandolo ulteriormente, il consumatore viene visto esclusivamente come una fonte di bisogni che l’azienda deve cercare di cogliere in anticipo rispetto ai concorrenti e proporre nel minor tempo possibile una soluzione adeguata al problema, lasciando la mansione dello sviluppo progettuale esclusivamente ad ingegneri o comunque ad un reparto, interno od esterno all’azienda, di ricerca e sviluppo. Naturalmente, col trascorrere dei decenni la varietà dei bisogni è salita esponenzialmente e questo ha comportato un loro parziale soddisfacimento; infatti le aziende, per incapacità nel gestire le risorse e la produzione, o per l’impossibilità di creare un’economia di scala con un particolare prodotto, non hanno saputo rispondere a questo grande differenziamento dei bisogni. In tal caso, se un consumatore necessitasse di un prodotto specifico che però nel mercato non riesce a reperire, o “attende” il suo inserimento nel mercato, oppure è costretto a svilupparlo personalmente o almeno modificare opportunamente un prodotto con caratteristiche simili a quello desiderato. In quest’ultimo caso, il consumatore dovrà perciò disporre di un insieme di strumenti (toolkit) che gli permettano di ottenere quanto desiderato. Un kit costituito da martello e cacciavite può rappresentare un semplice esempio di toolkit da utilizzare per modificare un prodotto fisico se si vuole soddisfare un bisogno specifico. Come accade nella maggioranza dei casi, una necessità non contraddistingue un singolo individuo, ma è comune a più persone, (si pensi al caso degli sport estremi, nei quali le modifiche ai prodotti adoperati sono frequenti) le quali possono venire in contatto attraverso comunità specializzate, associazioni o club a cui appartengono, incontrandosi anche di persona nel caso di riunioni o cene; però, molto più di frequente, i consumatori si ritrovano nelle comunità on-line. Difatti, nel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

community
comunità di pratica
development
development new product
lead users
learning by doing
new product
nuovo prodotto
open source
sviluppo nuovi prodotti
sviluppo nuovo prodotto
toolkit
trial and error

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi