Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il network delle Banche di Credito Cooperativo

La tesi si propone di analizzare, alla luce delle recenti e numerose operazioni di fusione e acquisizione nel panorama bancario italiano, la situazione organizzativa delle Banche di Credito Cooperativo. Le esigenze di cambiamento indotte dall’integrazione dei mercati e dalle dinamiche concorrenziali sono state recepite dagli organismi della categoria che hanno ricercato le modalità più appropriate per innalzare la qualità dei prodotti finanziari e dei servizi offerti. Il sistema del Credito ha, quindi, utilizzato una forma istituzionale alternativa all’aumento dimensionale: il network finanziario.
Per le Banche di Credito Cooperativo, infatti, la necessità di crescita non si esprime soltanto sul piano dimensionale, ma anche su quello della qualità e della capacità della relazione. Per queste banche è possibile competere nel mercato della finanza anche rimanendo piccoli e fedeli alla comunità locale, per questo lo strumento alternativo è la rete. Operare con un network significa dare concretezza a strutture che consentano la circolarità delle informazioni e delle risorse.Il sistema a rete del Credito Cooperativo è basato sui principi della cooperazione mutualistica e i rapporti di tipo verticale si dovrebbero esprimere proiettando la capacità imprenditoriale di ogni Banca di Credito Cooperativo all’esterno del sistema, con l’obiettivo finale di rafforzare le quote di mercato della categoria ed infittirne la presenza sul territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I Introduzione Negli ultimi anni il sistema finanziario del nostro Paese ha subito profonde trasformazioni. La progressiva liberalizzazione dei mercati e l’eliminazione di alcuni vincoli normativi in ordine alle attività consentite agli intermediari creditizi hanno portato alla despecializzazione dell’attività bancaria, al punto che si è parlato di Banca Universale. Inoltre l’incessante progresso nel campo delle telecomunicazioni, dell’espansione su scala mondiale del mercato dei capitali, e l’introduzione dell’euro hanno reso sempre meno netta la separazione tra i singoli comparti del sistema finanziario e hanno portato all’allentamento delle barriere all’entrata nel settore stesso. In risposta a tale evoluzione, in un contesto di progressiva intensificazione della concorrenza e della contedibilità nel settore, gli intermediari finanziari hanno adottato in misura crescente strategie aziendali

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Carolina Negretto Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6195 click dal 29/11/2007.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.