Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trust in Italia: possibili conseguenze penali derivanti dall'elusione fiscale

La Convenzione dell’Aja sulla legge applicabile ai trusts e sul loro riconoscimento ha prodotto nell’ultimo ventennio un consistente aumento d’interesse a livello internazionale verso l’istituto del trust, non soltanto da parte degli studiosi del diritto, ma anche a livello operativo, da parte dei fruitori dei servizi economici, i quali, dato il continuo aprirsi del mercato internazionale, domandano strumenti giuridici sempre nuovi e capaci di soddisfare interessi che si stanno sempre più diversificando.
Questo lavoro si divide in tre parti: la prima dedicata agli aspetti civilistici dell'istituto, la seconda a quelli tributari e la terza a quelli penali tributari. In conclusione si cercherà di rispondere alla seguente domanda: “il trust, nel suo abuso diretto ad eludere una norma tributaria, può assumere rilevanza penale?”.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Convenzione dell’Aja sulla legge applicabile ai trusts e sul loro riconoscimento ha prodotto nell’ultimo ventennio un consistente aumento d’interesse a livello internazionale verso l’istituto del trust, non soltanto da parte degli studiosi del diritto, ma anche a livello operativo, da parte dei fruitori dei servizi economici, i quali, dato il continuo aprirsi del mercato internazionale, domandano strumenti giuridici sempre nuovi e capaci di soddisfare interessi che si stanno sempre più diversificando. Questo lavoro si propone, nella prima parte, di esaminare l’istituto del trust da un punto di vista civilistico, analizzandone prima la struttura e le caratteristiche che si sono affermate nei Paesi di common law e terminando con la trattazione sulle modalità con cui esso è stato riconosciuto nei Paesi di civil law, in particolar modo in quello italiano. Tra i molteplici usi cui si presta l’istituto del trust, quello diretto all’ottimizzazione della variabile fiscale ha destato l’attenzione di molti studiosi e, ovviamente, dell’Amministrazione finanziaria, la quale, talvolta, vede tale istituto come strumento di evasione e/o di elusione; conseguentemente si è serbato un atteggiamento dubitativo sulla liceità di determinati trust, non di rado utilizzati per finalità elusive. La seconda parte, dunque, si occupa del trattamento tributario dell’istituto in questione, ovvero del suo trattamento ai fini delle imposte dirette ed indirette ed alle concrete possibilità che esso possa essere utilizzato per eludere l'applicazione di norme tributarie; i citati argomenti sono analizzati alla luce del recente intervento legislativo contenuto nella Manovra Finanziaria - 1 -

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Foderaro Contatta »

Composta da 291 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3327 click dal 05/12/2007.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.