Skip to content

Vincoli e opportunità nel Parco di Paneveggio-Pale di San Martino

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Predicatori
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Elisa Montresor
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 218

Il Parco di Paneveggio-Pale di San Martino rappresenta un caso speciale nella protezione della natura in Italia, sia per il momento storico in cui è sorto, che lo rende un precursore nel processo di istituzione dei parchi regionali, sia per il grado di autonomia goduto dalla Provincia di Trento.
L’approccio alla pianificazione si è evoluto notevolmente. Consolidate le due ragioni storiche (protezione dell’ambiente e fruizione per le generazioni attuali e future), negli ultimi decenni si è andato affermando un nuovo ruolo per l’area protetta: quello dello sviluppo socioeconomico della popolazione.
Anche nel parco in esame si è giunti ad un concetto di area protetta con fini plurimi ed è stato necessario capire quali fossero le condizioni sociali del Trentino e delle aree del Parco, a che punto si collocasse lo stato della pianificazione paesaggistico-ambientale e come si fosse evoluta la cultura della protezione ambientale in Trentino.
Inizialmente i parchi trentini erano quasi solamente dei confini tracciati sulle mappe del Piano Urbanistico, che dettava norme sommarie, e la pianificazione era pressoché inesistente. Nel Parco di Paneveggio-Pale di San Martino, grazie all’estesa presenza di aree demaniali, ci fu già una certa gestione da parte del Servizio Parchi e Foreste Demaniali della Provincia, tuttavia mancava un organo di gestione che attuasse una specifica pianificazione per tutto il territorio del parco.
Fu la legge provinciale 18/1988 a dotare finalmente i parchi di enti di gestione. L’attuazione della legge non fu breve, né facile: pur avendo come obiettivo prioritario la tutela ambientale, non si potè evitare la mediazione tra le diverse categorie coinvolte. Da qui l’importanza di un organo squisitamente politico, nel quale, al fianco di tecnici esperti, vi fosse una congrua rappresentanza delle associazioni e delle amministrazioni locali. A tale proposito è interessante l’analisi del Piano del Parco e soprattutto del dibattito, a volte costruttivo, altre inconcludente, che ha preceduto la sua approvazione nel 1996.
Un'altra parte importante di questo lavoro è costituita dall’analisi delle principali attività economiche che gravitano sull’area del Parco. Sono stati considerati non solo i settori più rilevanti sotto il profilo reddituale ed occupazionale, ma anche quelli importanti per la ricaduta sulla percezione che la popolazione ha nei confronti delle politiche del Parco. Pertanto, oltre ad un settore trainante quale quello turistico, vengono analizzate le attività silvo-pastorali, fra le quali anche quelle connesse all’uso del bosco, come la caccia, la pesca e la raccolta dei funghi.
Alla luce dello stato della pianificazione e della situazione economica, il lavoro si conclude con l’esplicitazione degli obiettivi che l’Ente Parco si pone nel lungo e medio periodo, evidenziando il ruolo positivo sin qui svolto nella gestione dell’area protetta, ma anche come l’attuazione di certi strumenti di gestione debba essere perfezionata o si trovi ancora in una fase di rodaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 4. Le attività economiche nel Parco di Paneveggio-Pale di San Martino 4.1. Il turismo Nella prima parte di questo lavoro si definiva il Trentino come una “provincia a vocazione ambientale”; ora potremmo guardarlo sotto un diverso punto di vista ed evidenziare la sua “vocazione turistica”. E’ un accostamento ovvio quello tra le due inclinazioni, dato che il paesaggio naturale costituisce una delle esigenze fondamentali della domanda di turismo. Tuttavia il binomio natura-turismo si può tradurre in due diverse tendenze. L’ambiente può essere posto al servizio del turismo e rappresentare semplicemente una “materia prima” da sfruttare, sacrificandone così l’integrità a scapito delle generazioni future; oppure il turismo può costituire un’opportunità per l’ambiente, che viene considerato una risorsa da conservare e valorizzare in quanto rappresenta non solo una ricchezza attuale, ma anche una potenzialità di sviluppo futuro. La prima visione è figlia della cultura del “mordi e fuggi”, legata soprattutto al turismo invernale ed ha comportato la costruzione di impianti di risalita sempre più veloci, capienti e a quote sempre più elevate e l’edificazione di alberghi e case per ferie a loro volta sempre più a ridosso degli impianti. Il Trentino non è certo stato esente da questa politica, dato che, a partire dagli anni Sessanta, si sono attuate forme intensive di uso turistico dei luoghi più dotati di risorse ambientali e “la logica economica della concentrazione e della specializzazione ha prodotto fenomeni di degrado e di congestione delle aree privilegiate, in particolare Madonna di Campiglio e la Valle di Fassa, dove la concentrazione di residenze, impianti sciistici e attrezzature ha raggiunto la soglia della crisi ambientale” . Si pensi anche ad altri esempi di grandi strutture edilizie, palesemente fuori scala e in contrasto con i grandi scenari naturali, come quelle realizzate al Passo del Tonale e a Marilleva. Questa tendenza è ormai tramontata, ma la realizzazione di opere spettacolari e grandiose rappresenta ancora spesso un’allettante tentazione per le amministrazioni locali (è di un anno fa, ad esempio, la proposta, rimasta per ora tale, di una gigantesca funivia che colleghi Andalo al Passo del Grostè, nel gruppo del Brenta ). La seconda visione si afferma in Trentino verso la fine degli anni Ottanta, a partire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
aree protette
parchi naturali
parco di paneveggio pale di san martino
pianificazione ambientale
protezione dell'ambiente
tutela dell'ambiente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi