Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi asiatica: alcuni modelli interpretativi

Il terremoto finanziario che si scatenò durante l'estate del 1997 nel Sud-est asiatico cominciò ''ufficialmente'' il 2 luglio con la decisione da parte della Banca Centrale thailandese di lasciar fluttuare liberamente il baht.
Esistono due principali interpretazioni teoriche riguardo la crisi asiatica.
Secondo una di queste la crisi fu causata dalla intrinseca instabilità del mercato internazionale dei capitali, il quale è fortemente soggetto alle cosiddette crisi autorealizzantisi.
La condizione necessaria affinché si possa creare la possibilità di una crisi, è lo stato di illiquidità del Paese debitore. Un Paese si definisce illiquido nel momento in cui è in grado di pagare i propri debiti nel lungo periodo, ma non la parte del debito e/o il suo servizio nel breve periodo. In questo caso basterebbe che il Paese prendesse a prestito la somma necessaria per rimborsare il debito nel breve periodo. Ma il mercato potrebbe non essere in grado o essere riluttante a concedere nuovi prestiti, creando esso stesso il panico che voleva evitare.
I motivi per i quali il mercato non concede prestiti possono essere due: un problema di azione collettiva fra i creditori e l'asimmetria informativa sempre fra questi.
Secondo l'altra interpretazione teorica, la radice della crisi sta nell'azzardo morale da parte sia degli operatori nazionali che esteri, i quali si aspettavano che il governo intervenisse attraverso salvataggi a favore di imprese e banche in caso di crisi. Questa aspettativa causava un eccesso di investimenti insieme ad una cattiva qualità di questi. Le eventuali perdite derivanti da questi progetti di investimenti, venivano finanziate attraverso l'indebitamento estero (sempre a causa dell'aspettativa di salvataggio) e ciò causava persistenti deficit del conto corrente. Mentre non è necessario che il deficit governativo sia alto prima della crisi, l'eventuale rifiuto dei creditori esteri di fornire ulteriori fondi costringe il governo ad intervenire per garantire il debito estero contratto. Ma per garantire la solvibilità, il governo è costretto ad utilizzare le riserve che servono per la difesa del tasso di cambio, con il pericolo che queste crollino al di sotto del livello minimo indispensabile per la difesa del cambio. Inoltre l'immissione di riserve nel sistema crea aspettative inflazionistiche, rendendo ancor meno credibile la difesa del tasso di cambio e anticipando una crisi finanziaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE. Alla fine della tesi, sento di dover ringraziare molte persone che, anche soltanto con dei semplici suggerimenti, mi hanno aiutato nella sua realizzazione. In primo luogo, voglio ringraziare il mio relatore, Prof. Pompeo Della Posta, il quale mi ha saputo dimostrare disponibilità, chiarendomi alcuni passaggi matematici e stimolandomi continuamente nella ricerca. Un sentito ringraziamento va al Prof. Enrico Ghiani, che mi ha indicato il suo sito, senza il quale non avrei saputo come trovare la maggior parte del materiale utilizzato e cominciare questo lavoro. Ringrazio tantissimo tutti i miei amici, perché hanno sempre dimostrato stima e affetto nei miei confronti, aiutandomi in questi anni di università e spero di essere stato per loro un buon amico e voglio sottolineare che queste poche parole esprimono soltanto in piccola parte la mia gratitudine nei loro confronti. Infine, ringrazio i miei genitori, i quali considero, a tutti gli effetti, i coautori di questa tesi, sia perché hanno sempre acconsentito a qualsiasi mia richiesta, sia per aver saputo “sopportare” la mia assenza da casa, che credo debba essere stato difficile. Questa tesi è dedicata a Loro.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gennaro Codispoti Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3770 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.