Skip to content

La crisi asiatica: alcuni modelli interpretativi

Informazioni tesi

  Autore: Gennaro Codispoti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Pompeo Della Posta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

Il terremoto finanziario che si scatenò durante l'estate del 1997 nel Sud-est asiatico cominciò ''ufficialmente'' il 2 luglio con la decisione da parte della Banca Centrale thailandese di lasciar fluttuare liberamente il baht.
Esistono due principali interpretazioni teoriche riguardo la crisi asiatica.
Secondo una di queste la crisi fu causata dalla intrinseca instabilità del mercato internazionale dei capitali, il quale è fortemente soggetto alle cosiddette crisi autorealizzantisi.
La condizione necessaria affinché si possa creare la possibilità di una crisi, è lo stato di illiquidità del Paese debitore. Un Paese si definisce illiquido nel momento in cui è in grado di pagare i propri debiti nel lungo periodo, ma non la parte del debito e/o il suo servizio nel breve periodo. In questo caso basterebbe che il Paese prendesse a prestito la somma necessaria per rimborsare il debito nel breve periodo. Ma il mercato potrebbe non essere in grado o essere riluttante a concedere nuovi prestiti, creando esso stesso il panico che voleva evitare.
I motivi per i quali il mercato non concede prestiti possono essere due: un problema di azione collettiva fra i creditori e l'asimmetria informativa sempre fra questi.
Secondo l'altra interpretazione teorica, la radice della crisi sta nell'azzardo morale da parte sia degli operatori nazionali che esteri, i quali si aspettavano che il governo intervenisse attraverso salvataggi a favore di imprese e banche in caso di crisi. Questa aspettativa causava un eccesso di investimenti insieme ad una cattiva qualità di questi. Le eventuali perdite derivanti da questi progetti di investimenti, venivano finanziate attraverso l'indebitamento estero (sempre a causa dell'aspettativa di salvataggio) e ciò causava persistenti deficit del conto corrente. Mentre non è necessario che il deficit governativo sia alto prima della crisi, l'eventuale rifiuto dei creditori esteri di fornire ulteriori fondi costringe il governo ad intervenire per garantire il debito estero contratto. Ma per garantire la solvibilità, il governo è costretto ad utilizzare le riserve che servono per la difesa del tasso di cambio, con il pericolo che queste crollino al di sotto del livello minimo indispensabile per la difesa del cambio. Inoltre l'immissione di riserve nel sistema crea aspettative inflazionistiche, rendendo ancor meno credibile la difesa del tasso di cambio e anticipando una crisi finanziaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE. Alla fine della tesi, sento di dover ringraziare molte persone che, anche soltanto con dei semplici suggerimenti, mi hanno aiutato nella sua realizzazione. In primo luogo, voglio ringraziare il mio relatore, Prof. Pompeo Della Posta, il quale mi ha saputo dimostrare disponibilità, chiarendomi alcuni passaggi matematici e stimolandomi continuamente nella ricerca. Un sentito ringraziamento va al Prof. Enrico Ghiani, che mi ha indicato il suo sito, senza il quale non avrei saputo come trovare la maggior parte del materiale utilizzato e cominciare questo lavoro. Ringrazio tantissimo tutti i miei amici, perché hanno sempre dimostrato stima e affetto nei miei confronti, aiutandomi in questi anni di università e spero di essere stato per loro un buon amico e voglio sottolineare che queste poche parole esprimono soltanto in piccola parte la mia gratitudine nei loro confronti. Infine, ringrazio i miei genitori, i quali considero, a tutti gli effetti, i coautori di questa tesi, sia perché hanno sempre acconsentito a qualsiasi mia richiesta, sia per aver saputo “sopportare” la mia assenza da casa, che credo debba essere stato difficile. Questa tesi è dedicata a Loro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi asiatica
crisi bancarie
crisi finanziarie
mercati finanziari
modelli economici
crisi finanziaria asiatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi