Skip to content

Propaganda e fascismo spagnolo. Onésimo Redondo.

Informazioni tesi

  Autore: Ester Nonis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Luciano Casali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 240

Nato nel 1905 a Quintanilla de Abajo, un piccolo paese in provincia di Valladolid, successivamente ribattezzato Quintanilla de Onésimo in suo onore, Onésimo Redondo Ortega fu uno dei padri fondatori del fascismo spagnolo pur rimanendo un personaggio minore della storia, che non ottenne mai ampio seguito a causa del sistema ideologico che propose, lacunoso ed incompleto, ed il conservatorismo delle sue idee, troppo tradizionaliste per potersi affermare in un mondo che ormai doveva fare i conti con l’avvenuta rivoluzione industriale e l’affacciarsi delle masse sulla scena politica.
Nell’ambiente natale Redondo apprese i principi di un cattolicesimo retrivo e bigotto, le cui tracce emersero costantemente durante tutto il suo percorso politico segnato da stretti legami con gli ordini religiosi, e l’attaccamento alla campagna, sinonimo di tradizione e cattolicesimo in contrapposizione alle città, Madrid in particolare, che rappresentava per lui il laicismo e l’affermazione dei valori democratici e liberali. Laureatosi in Legge all’Università di Salamanca, recatosi, con l’appoggio dei gesuiti, come lettore di spagnolo presso l’Università di Mannheim, Redondo vide in Hitler il paladino del cristianesimo di fronte alla barbarie marxista e, favorevolmente colpito dal nazismo che si andava affermando, con l’avvento della Seconda Repubblica spagnola, nel luglio 1931, scelse di dedicarsi alla politica in modo più attivo di quanto stesse già facendo in qualità di segretario del Sindicato Remolachero (Sindacato dei coltivatori di barbabietole della Vecchia Castiglia). Nel giugno 1931 fondò Libertad, un settimanale a scarsissima diffusione e perennemente sul lastrico dedito a fare dell’informazione propaganda politica. Pochi mesi dopo affiancò al periodico un gruppo d’azione, le JCAH (Juntas Castellanas de Actuación Hispánica), che, ispirate al rispetto per la tradizione e alla lotta al marxismo, perseguivano la formazione di uno Stato totalitario basato sul sindacalismo verticale e il principio di unità: unità territoriale, da cui derivava una netta avversione per i separatismi regionali, soprattutto per quello catalano, a cui si contrapponeva un forte centralismo castigliano; unità politica, minacciata dal sistema dei partiti, dalla democrazia parlamentare e dal marxismo, che fomentavano le divisioni sociali e la cui unica alternativa era la formazione di uno Stato totalitario; unità di valori, ovvero del cattolicesimo come religione nazionale.
Nel dicembre 1931 le JCAH si unirono a La Conquista del Estado, il gruppo di Madrid guidato da Ramiro Ledesma Ramos, originando le JONS (Juntas de Ofensiva Nacional Sindicalista), che, all’inizio del 1934, in seguito all’unificazione con la FE (Falange Española) organizzata da José Antonio Primo de Rivera, figlio dell’ex dittatore Miguel Primo de Rivera, costituirono la FE de las JONS (Falange Española de las Juntas de Ofensiva Nacional Sindicalista), ai cui ideali attinse ampiamente Francisco Franco per la legittimazione ideologica del regime nazionalcattolico.
Redondo, morto nel 1936 durante uno dei primi combattimenti della guerra civile che per tre anni dilaniò la Spagna, è uno di quei personaggi in cui raramente ci si imbatte e su cui poco è stato detto, sia per la modestia del seguito che ottenne, sia per la tendenza, durante il franchismo, ad uniformare il pensiero dei primi falangisti deceduti, affinché questi divenissero simboli utili a creare consenso intorno alla dittatura. Il suo pensiero politico fu uno dei tanti contributi al fascismo sviluppatosi nella penisola iberica; la sua vita fu breve ed il suo sistema ideologico lacunoso; tuttavia, dal momento che il regime, durato quasi quaranta anni, controllò accuratamente le fonti, manipolò la costruzione della storia e non approfondì le correnti ideologiche che lo avevano preceduto, alle quali, però, si ispirò a scopo propagandistico, abbiamo ritenuto interessante approfondirne la storia personale e lo specifico apporto al fascismo spagnolo con l’obiettivo di scriverne una biografia priva sia delle mistificazioni e glorificazioni tributategli dal franchismo, sia delle accuse, basate esclusivamente su fondamenti ideologici, lanciategli dagli avversari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “Desde que los reyes no son los únicos árbitros de las naciones, desde que los pueblos han aspirado también a ser absolutos, la historia debe escribirse para todos, porque todos tienen que aprender en ella” 1 . Onésimo Redondo Ortega è senza dubbio un personaggio minore della storia, uno di quelli in cui raramente ci si imbatte e su cui poco è stato detto, sia per la modestia del seguito che ottenne, sia per la tendenza, durante il franchismo, ad uniformare il pensiero dei primi falangisti deceduti, affinché questi divenissero dei simboli utili a creare consenso intorno al regime. Il suo pensiero politico fu uno dei tanti contributi al fascismo sviluppatosi nella penisola iberica. La sua vita fu breve ed il suo sistema ideologico lacunoso. Tuttavia, abbiamo ritenuto interessante approfondirne la storia personale ed il pensiero con l’obiettivo di scriverne una biografia priva sia delle mistificazioni e glorificazioni tributategli dai suoi compagni e dal regime, sia delle accuse, non basate su fondamenti oggettivi, lanciategli dagli avversari. Con il franchismo, molti teorici e fondatori del fascismo spagnolo vennero censurati per occultare le differenze presenti all’interno del gruppo dirigente falangista e nascondere il dibattito verificatosi alle origini del movimento per una sua definizione. Il regime, durato quasi quarant’anni, controllò accuratamente le fonti, manipolò la costruzione della storia e non approfondì le diverse correnti ideologiche che lo avevano preceduto, considerandosi autolegittimato dall’idea salvifica di crociata. Alle strumentalizzazioni volute dalla dittatura si accompagnarono quelle dei compagni di militanza politica di Redondo. Morto, molto probabilmente senza 1 José Zaragoza, Discursos leídos en la Real Academia de la Historia el 12 de abril de 1852, Madrid, 1852, in Juan Sisinio Pérez Garzón, La creación de la historia de España, in La gestión de la memoria. La historia de España al servicio del poder, Barcelona, Crítica, 2000, pp. 63-110, p. 77.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

complotto giudaico, massonico, comunista
fascismo in spagna
fascismo spagnolo
franchismo
guerra civile spagnola
nazionalismo spagnolo
onésimo redondo
propaganda
stampa anni trenta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi