Caregiver Quality of Life Index-Cancer: la qualità di vita del familiare del malato oncologico

Negli ultimi decenni la qualità della vita connessa alla salute è al centro di numerose ricerche. L’argomento è di grande interesse in relazione all’allungamento della vita nella popolazione sana e malata e all’aumento delle patologie croniche, gravi e invalidanti, nelle quali l’obiettivo è la lotta alla malattia o almeno il controllo dei sintomi (Majani, 2001). La valutazione della qualità della vita è stata elaborata in numerosi questionari, in origine anglosassoni, in seguito validati anche in Italia.
Campbell (1981) ha ricondotto la descrizione della Q.d.V. in 12 ambiti: la società, l’educazione, la vita familiare, l’amicizia, la salute, il contesto abitativo, la vita coniugale, la nazionalità, il territorio in cui vive la persona, la percezione di sé, il tenore di vita, il lavoro. In questa definizione è insito il concetto multidimensionale della percezione che la persona ha della possibilità non solo di sentirsi in salute, ma di avere una vita di relazione, sociale, culturale e di relativo benessere.
Nella tesi ho riportato quindi come Schacter (1992) ha individuato sette fattori che influenzano la qualità di vita dei caregivers e inseriti da Weitzner, nel questionario CQOLC, oltre ad altri autori.
Poi ho descritto alcune variabili responsabili dell’influenza sulla qualità di vita del caregiver.
Infine per quanto riguarda la parte empirica di tale lavoro ho affrontato alcuni obiettivi, quali: 1) descrivere le caratteristiche demografiche di tre gruppi di caregivers appartenenti ai reparti di radioterapia degli ospedali di Aviano, Castelfranco Veneto e Verona. 2) ampliare l’interesse dello studio su tutte le parti del corpo colpite dal cancro, 3) trarre delle considerazioni sul Q.d.V. dei caregivers con il confronto tra i tre gruppi, 4) aggregare questi ultimi campioni per costituire un campionamento di 266 caregivers e analizzarlo con le diverse statistiche, tra le quali: il coefficiente alpha di Cronbach, l’analisi fattoriale, ecc.. Infine ho valutato il profilo del caregiver, rilevato con i dati del campione complessivo e l’ho confrontato con gli altri ospedali di Aviano e Castelfranco Veneto ed evidenziato le differenze, oltre a proporre possibili approfondimenti in merito alla qualità di vita del caregivers.
La lettura della tesi può essere utile per chi vuole farsi una panoramica sull’argomento, con apporti bibliografici piuttosto recenti e soprattutto desunti da un approccio empirico, in ambito sanitario. Inoltre vi sono diversi test statistici elaborati col pacchetto software SPSS che si rivelano utile come spunto di indagine inerenti la metodologia di ricerca ed elaborazione statistica dei dati e per chi interessato alla metodologia di validazione di uno questionario statistico.

Il test CQOLC non è presente in tale tesi on line.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente lavoro è finalizzato allo studio della qualità di vita (Q.d.V.) del familiare (caregiver) che ha cura del malato oncologico. Esso prevede la somministrazione del questionario statunitense CQOLC (Caregiver Qualità of Life Index- Cancer) di Weitzner, tradotto in italiano (Zotti, Vidotto) e associato al BDI, allo STAI- x 1 e allo STAI-x 2. I questionari sono stati somministrati ad un campione di 48 parenti, durante il tirocinio pre-lauream svolto, presso l’Unità Operativa di Radioterapia Oncologica dell’Azienda Ospedaliera di Verona, da settembre a dicembre 2005. Il campione è stato integrato con i dati di due tesi di laurea analoghe (Mazzoli, Pilla, 2002) inerenti ai caregivers dell’ospedale di Aviano e Castelfranco Veneto, per un totale di 266 soggetti. Su quest’ultimo campionamento sono state complessivamente eseguite le analisi statistiche di valutazione dell’attendibilità, della validità interna ed esterna dello strumento CQOLC, l’analisi fattoriale e di associazione con gli altri questionari STAI e BDI; mentre le analisi statistiche descrittive e di significatività (test t Bonferroni, ANOVA e Chi-Quadro) sono state eseguite per il confronto dei tre campioni di caregivers. Nel primo capitolo è brevemente esposto il concetto della qualità della vita in senso generale, in relazione all’ambito oncologico e le variabili che influenzano la qualità di vita del caregiver. Il secondo capitolo è dedicato agli obiettivi della ricerca. Nel terzo capitolo sono esposti i materiali e i metodi, utilizzati per la raccolta dei dati e la descrizione dei campioni reclutati per la somministrazione del questionario. Nel quarto capitolo si affronta la valutazione della fedeltà, la validità, l’analisi fattoriale

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Antonietta Di Renzo Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12048 click dal 11/01/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.