Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La resistenza all'aspirina: test di laboratorio e monitoraggio clinico

Il grande vantaggio dell'utilizzo dell'aspirina nella terapia antiaggregante in pazienti ad alto rischio cardiovascolare, trova tuttavia un limite nel fenomeno riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale come "resistenza all'aspirina". Data la rilevanza epidemiologica della malattia aterosclerotica, risulta evidente l'importanza di individuare un test affidabile e di semplice esecuzione per monitorare tale fenomeno nei pazienti in terapia cronica con aspirina.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Il sangue è un sistema bifasico, composto da una fase liquida, il plasma, in cui si trovano sospese cellule nucleate (globuli bianchi), non nucleate (globuli rossi) e frammenti citoplasmatici (piastrine). Tutte queste cellule hanno funzioni molto diverse tra loro, che vanno dal trasporto dell’ossigeno alla produzione di anticorpi. Ad ogni modo, la storia naturale delle cellule ematiche possiede elementi di somiglianza. Infatti, tutte hanno una vita limitata nel tempo, vengono prodotte per tutta la durata della vita di un individuo e originano tutte da una cellula staminale totipotente comune nel midollo osseo. In particolare, le piastrine derivano dai megacariociti, i quali restano nel midollo anche dopo la maturazione. Normalmente si trovano proprio vicino ai sinusoidi ematici e protendono i loro prolungamenti attraverso fori dell’endotelio che riveste questi vasi; le piastrine si staccano da questi prolungamenti e vengono rilasciate nel sangue. Ogni megacariocita è in grado di produrre diverse migliaia di piastrine. Fig. 1: fotografia al microscopio elettronico a scansione dell’interno di un sinusoide ematico del midollo osseo che mostra i processi del megacariocita. Scoperte nel XIX secolo dal dott. Giulio Bizzozzero, le piastrine hanno un diametro di 2-5 µm e ne sono fisiologicamente presenti nel torrente ematico 150.000-400.000/ mm 3 , con una vita media di 8-10 giorni. Come già accennato, si tratta di elementi anucleati che, a riposo, hanno aspetto lentiforme mentre, in seguito ad attivazione, subiscono delle modificazioni

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Paola Mancuso Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1968 click dal 05/12/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.