Skip to content

Una donna carismatica e i suoi critici: Paola Antonia Negri (1508-1555) e i primi Barnabiti

Informazioni tesi

  Autore: Rita Bacchiddu
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Perfezionamento in SCIENZE RELIGIOSE -equipollente al titolo di Dottore di Ricerca ai sensi dell’art. 74 del DPR 382/80
Anno: 2003
Docente/Relatore: Adriano Prof. Prosperi
Correlatore: GiovanniProf. FiloramoGabriellaProf. Zarri
Istituito da: Scuola Internazionale di Alti Studi-Fondazione Collegio S.Carlo di Modena
Dipartimento: Fondazione Collegio S. Carlo di Modena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 288

Capitolo Primo
Introduzione
1.Un breve quadro storiografico
2.La “santa viva” e l’Inquisizione: lo straordinario caso di Paola Antonia Negri
3.La ricostruzione della memoria storica e le lettere spirituali
Capitolo Secondo
«Hanno per capo et maestra una monaca giovane»: l’ascesa e il declino della “divina madre”
1.Il «Consortio delle donne religiose di S. Marta» e l’ Eterna Sapienza
2.Una «gallaratese distinta»: Paola Antonia Negri
3.L’allontanamento della “divina madre”
4.Il “capro espiatorio” ovvero «la matre sopra la quale se scarica tutte le some»
5.Epilogo del «caso Negri»: la visita apostolica
Capitolo Terzo
Le Lettere Spirituali e la difesa della memoria: una documentazione di parte
1.La «vexata quaestio» della paternità delle lettere
2.«L’avete forse dopo nasciuta tenuta in una qualche torre serrata che maschio non sia mai entrato a lei?» ovvero l’Apologia di Besozzi
3.Una documentazione “di parte”: Antonio Pagani, Giovanni Battista Fontana, Ireneo Affò
Capitolo Quarto
La paternità delle Lettere Spirituali e la censura
1. Considerazioni cronologiche di una collaborazione
2. Le Lettere Spirituali:
a) Struttura del manoscritto
b) Le censure
c) Besozzi e Negri: affinità e differenze
Indice delle sigle e delle abbreviazioni
Manoscritti
Bibliografia
Appendice di documenti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo Primo Introduzione 1. Un breve quadro storiografico La storia della Riforma, della Controriforma e Riforma cattolica ha dovuto fare per lungo tempo i conti con un dibattito storiografico che ha visto schierati storici protestanti, laici e cattolici 1 . Le posizioni che via via prendevano i diversi schieramenti storiografici hanno influito sul modo di raccontare i fatti, a volte dimenticando i motivi della ricerca e diventando un ostacolo alla conoscenza storica. Il primo vero rinnovamento metodologico negli studi della storia religiosa del ‘500 avvenne grazie alla preziosa opera di Cantimori e di Chabod, anche se non mancarono tra i due motivi di discussione e prese di distanza 2 . Federico Chabod con il saggio Per la storia religiosa dello Stato di Milano durante il dominio di Carlo V, pubblicato nel 1936-37, incise significativamente nell’ambito di questi studi 3 . Egli infatti collegò la ricostruzione dei fermenti eterodossi, della circolazione delle idee, delle personalità intellettuali, dei dissidenti e delle loro individualità, al contesto istituzionale, politico e sociale nel quale quelle idee si erano diffuse e sviluppate. Il libro di Chabod proponeva un nuovo modo di guardare al passato, non mettendo al centro soltanto l’eresia, ma presentando il quadro completo del fermento della vita religiosa milanese nelle 1 Per una riflessione complessiva sulla storiografia della Riforma italiana del Cinquecento: M. Firpo, La riforma italiana del Cinquecento. Le premesse storiografiche, in “Schifanoia”, 19, 1998, p. 32, traduzione inglese in The Italian Reformation of the Sixsteenth Century and the Diffusion of Renaissance Culture: a Bibliography of the Secocndary Literature (Ca. 1750-1997), compiled by John Tedeschi in association with James M. Lattis, with an historiographical introduction by Massimo Firpo, Modena, Panini, 2000, pp. XI-LVI. 2 Si veda in proposito l’Introduzione di Adriano Prosperi al volume D. Cantimori, Eretici italiani del Cinquecento e altri scritti, Torino, Einaudi, 1992, pp. IL e sgg. 3 Il saggio fu pubblicato, nel 1936-37, nell’ “Annuario del R. Istituto storico per l’età moderna e contemporanea”. L’anno seguente la ricerca fu pubblicata in un volume autonomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antonio pagani
arcangela panigarola
barnabiti
battista da crema
censure
controriforma
divina madre
gian pietro besozzi
inquisizione
lettere spirituali
marco pagani
margherita lambertenghi
padre spirituale
paola antonia negri
s. marta
vexata quaestio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi