Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modellazione numerica del comportamento di pali soggetti a carico combinato orizzontale e verticale

Attraverso l'uso del SAP si e' modellato il comportamento di pali di fondazione che erano soggetti a carico combinato orizzontale e verticale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il problema dello studio del comportamento delle fondazioni ha da sem- pre creato notevoli interessi di studio. La letteratura in esame è ricca di sperimentazioni di carattere empirico e di prove di laboratorio che mi- rano ad ottenere un modello di studio che sia adeguato alla casistica in esame. Molte sono le difficoltà che impediscono alla Geotecnica, disci- plina che è nata per affrontare problematiche legate alle interazioni fra la struttura in elevazione ed il terreno, di trovare delle argomentazioni analitiche che individuino in modo chiaro e specifico il quadro della si- tuazione. Il problema più grosso è legato all’impossibilità di rappresentare il ter- reno tramite un modello di calcolo analitico, tutto ciò per svariati moti- vi, come per esempio la sua eterogeneità. Oltre ad essa intervengono al- tri fattori: la variabilità nel tempo, presenza d’acqua o meno, comporta- mento differente a lungo ed a breve termine, situazione delle pressioni interstiziali e di quelle efficaci, la stratigrafia. L’elemento strutturale che più è sensibile a quanto brevemente illustra- to è senza dubbio la fondazione. Di esse, ne possono esistere di due tipi, quelle superficiali e quelle profonde. Tra le fondazioni superficiali troviamo le travi rovesce, le più diffuse, i plinti e le platee. Quando il terreno non presenta le caratteristiche di portanza adeguate alla situazione, si procede con l’uso di fondazioni pro- fonde. Per questi scopi si utilizzano i pali di fondazione e ne abbiamo di due tipi: trivellati e battuti. Quelli battuti non sono realizzati in opera ed hanno delle dimensioni limitate, vengono infissi mediante battitura con un’apposita apparec-

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Giansiracusa Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1951 click dal 06/12/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.