Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dimensione d'impresa e competitività

Questo lavoro si propone di analizzare il rapporto tra fattori quali la dimensione d'impresa, la frammentazione del sistema produttivo, il modello distrettuale e la competitivita' di un'economia nazionale, specie nei settori piu' dinamici e ad alto contenuto tecnologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il periodo di stagnazione che caratterizza l’economia italiana moltiplica l’attenzione di studiosi, politici ed economisti sulle sue capacità competitive. Innovazione, esportazioni, settori hi-tech e “made in Italy” sono gli argomenti che con maggior frequenza vengono posti al centro del dibattito; quasi inevitabilmente, però, l’attenzione converge su quello che, a torto o a ragione, viene considerata la maggiore “diversità” del sistema economico italiano: la dimensione d’impresa. La letteratura economica è densa di contributi relativi all’argomento; la pluralità dei punti di vista sul rapporto tra dimensione e competitività, se da una parte non aiuta nella ricerca di una “verità assoluta”, dall’altra ha il merito di evidenziare le numerose sfaccettature che caratterizzano la questione dimensionale. L’esigenza di dare spazio ai diversi aspetti del problema è tanto più avvertita nel caso italiano rispetto al quale non sarebbe né sufficiente né corretto proporre esclusivamente una contrapposizione piccola-grande impresa. E’ evidente che conserva una sua importanza, ed è strumentale per successive riflessioni, stabilire se esista o meno un divario di competitività tra grande e piccola impresa singolarmente considerate. Tale analisi deve però essere contestualizzata nel sistema-industria italiano: ciò che interessa, in definitiva, non è tanto stabilire se la multinazionale X sia più efficiente o meno dell’impresa individuale Y, quanto invece la competitività della struttura industriale italiana integralmente considerata. Per questo motivo l’attenzione verrà rivolta sia ai punti di forza e di debolezza delle PMI, sia alle

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea De Angelis Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1734 click dal 11/12/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.