Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Formatori: avatar per caso. Viaggio alla scoperta dell'e-Learning in Second Life.

Il presente lavoro nasce dalla curiosità di esplorare come si evolve l’e-Learning in Second Life: un innovativo mondo virtuale, che travalica la pura dimensione ludica favorendo le interazioni tra le persone e la possibilità di fare esperienze. In particolare, si cerca di capire se le dimensioni tridimensionale ed immersiva, che contraddistinguono il metaverso, possano recare benefici all’e-Learning. A tal proposito, la tesi è imperniata su due dimensioni: quella teorica e quella dedicata alla ricerca empirica. La parte teorica mette in evidenza i vantaggi ormai assodati e le criticità della formazione online, che l’e-Learning 2.0 tenta di superare coniugando le dimensioni formale/informale ed individuale/sociale dell’apprendimento, attraverso una vasta gamma di strumenti come blog, forum e tra gli altri anche Second Life.
Ma questa nuova realtà virtuale è così diversa rispetto altri mondi tridimensionali? E soprattutto quali potranno essere le implicazioni didattiche/formative legate al metaverso? A queste domande si tenterà di rispondere, descrivendo le caratteristiche e le peculiarità di Second Life e, delineando le principali teorie dell’apprendimento (esperenziale, socio-costruttivista e collaborativa), che trovano spazio nel metaverso.
Il cuore della tesi è costituito dalla parte dedicata alla ricerca in cui si illustreranno: il problema, la metodologia impiegata e le ipotesi che si intende verificare. Il case study analizzato, è quello dei corsi di scrittura in Second Life organizzati da Imparafacile, una delle prime società che ha utilizzato questo mondo per scopi formativi. La somministrazione di questionari ai corsisti e l’osservazione delle dinamiche che avvengono nell’aula virtuale, sono risultati preziosi per far luce sulle peculiarità dell’e-Learning in SL. Si sono studiate poi, ulteriori sperimentazioni che hanno permesso di avere un quadro più completo su: vantaggi/svantaggi della formazione, peculiarità, principali modelli didattici impiegati e sull’evoluzione del docente/formatore in SL. Ma Second Life è solo una moda a cui ha aderito anche il mondo della formazione? A questa domanda ancora non è possibile rispondere, perchè SL si trova ancora in uno stato embrionale, per cui non è chiaro se sia uno strumento realmente valido, che per alcuni rappresenterebbe addirittura come un nuovo medium. Probabilmente, Second Life ha delle potenzialità formative per certi versi ancora inespresse, ma non deve essere pensato come piattaforma autonoma, quanto come un’integrazione della rete Internet, intesa come “il luogo più naturale per lo sviluppo dell’intelligenza distribuita”. La cosa più importante sarà quella di pensare che dietro alla tecnologia, in questo caso Second Life, ci sono le persone: il vero motore creativo di questa società.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Il presente lavoro nasce dalla curiosità di esplorare come si evolve l’e-Learning in Second Life: un innovativo mondo virtuale, che travalica la pura dimensione ludica favorendo soprattutto le interazioni tra le persone e la possibilità di fare esperienze. In particolare, si è cercato di comprendere se le dimensioni tridimensionale ed immersiva, che contraddistinguono il metaverso, possano recare benefici all’e- Learning. A tal proposito il lavoro è imperniato su due dimensioni, quella teorica e quella dedicata alla ricerca empirica. La parte teorica ha consentito di far luce sullo stato attuale dell’apprendimento elettronico, evidenziandone i vantaggi ormai assodati e le criticità. I primi due capitoli ripercorrono le tappe che hanno portato all’evoluzione della formazione a distanza, con particolare attenzione sia all’e-Learning 1.0 che all’e-Learning 2.0. Tra gli strumenti didattici menzionati da Bonaiuti, capaci di coniugare le dimensioni formale/informale ed individuale/sociale dell’apprendimento online, viene annoverato Second Life. Ma cosa rende particolare questa nuova realtà virtuale, così diversa dagli altri mondi tridimensionali? E soprattutto quali potranno essere le implicazioni didattiche/formative legate al metaverso? A queste domande si tenta di rispondere nella seconda parte, descrivendo le caratteristiche e le peculiarità di Second Life. Nella terza parte invece, vengono delineate le principali teorie dell’apprendimento: esperenziale, socio-costruttivista e quella collaborativa, dalle quali si è attinto per monitorare e studiare le numerose sperimentazioni didattiche/formative

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Elisa Consorti Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2255 click dal 13/12/2007.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.