Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto tra reddito ed istruzione in Italia tra il 1989 ed il 2004

Con il presente elaborato ci si propone di analizzare l'evoluzione del legame tra reddito ed istruzione in Italia in un periodo storico (dal 1989 al 2004), attraverso elaborazioni dei dati dell'Indagine sui bilanci delle famiglie italiane, che la Banca d'Italia fa svolgere attraverso questionari su un campione di famiglie, a cadenza generalmente biennale. Nella prima parte del lavoro si sono esposte le teorie che nel corso della storia hanno indagato la relazione tra reddito e istruzione: la teoria del capitale umano, che lega il reddito degli individui allo stock di capacità possedute, ossia al capitale umano (comprendente anche l'istruzione), e la teoria credenzialista, che indaga lo stesso legame tra le due variabili, partendo però dal presupposto che gli anni trascorsi a scuola non servano per incrementare le abilità degli agenti economici, che sono considerate esogene. Si è poi presentato un semplice modello di regressione lineare, che si basa sulla cosiddetta funzione di guadagno (earnings function), costruita per la prima volta da Mincer al fine di stimare l'impatto sul reddito di alcune variabili, tra cui l'esperienza lavorativa e l'istruzione. La seconda parte consiste invece nell'elaborazione dei dati, per la quale si è utilizzato il software Stata, e in una stima OLS delle funzioni di guadagno, tramite specificazioni che tengono conto di varie caratteristiche degli individui, allo scopo di vedere se la relazione tra reddito ed istruzione è spiegata da essa, e con quale approssimazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Con il seguente elaborato ci si propone di analizzare l evoluzione del legame tra reddito ed istruzione in Italia in un periodo storico, dal 1989 al 2004, attraverso elaborazioni dei dati dell Indagine sui bilanci delle famiglie italiane, svolta per conto della Banca d Italia tramite questionari su un campione di famiglie a cadenza generalmente biennale. Nello specifico, si sono prese in considerazione le indagini relative agli anni 1989, 1991, 1993, 1995, 1998, 2000, 2002 e 2004. Nella prima parte del lavoro si sono esposte, in maniera concisa, le teorie economiche che si sono poste l obiettivo di indagare la relazione tra reddito e istruzione: la teoria del capitale umano, elaborata da Mincer (1958), Schultz (1961) e Becker (1962), e la teoria credenzialista, inizialmente presentata da Stiglitz (1975); nella seconda parte si sono presentati i risultati principali ottenuti dall elaborazione dei dati dell Indagine sui bilanci delle famiglie italiane. Per quanto riguarda la teoria del capitale umano, essa deve a Becker (1962) la sua prima stesura sistematica; il reddito degli individui Ł posto in relazione con il capitale umano posseduto, vale a dire con l insieme di capacit detenute da un individuo, comprendenti numerose caratteristiche, tra cui si possono annoverare l abilit personale, l istruzione cosidd etta formale, l addestramento sul lavoro, la buona salute, la mobilit , la capaci t di reperire ed interpretare informazioni. Mentre l abilit personale Ł considerata data, come una risorsa naturale, le altre competenze possono essere sviluppate tramite specifici investimenti in capitale umano. Nel presente elaborato verr dedicata particolare attenzione allo studio della convenienza dell investimento in istruzione, al fine di studiarne la relazione rispetto al reddito.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Claudia Andreella Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1627 click dal 20/12/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.