Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Colture cellulari da piante della famiglia delle labiatae e analisi dei metaboliti secondari della classe dei fenilpropanoidi: individuazione di una linea di Stachys officinalis per la produzione di forsythoside B

Le piante superiori producono una varietà di sostanze definite metaboliti secondari, un gruppo eterogeneo di molecole che possono trovare importanti applicazioni commerciali in campo farmaceutico, cosmetico, e alimentare.
In aggiunta ai tradizionali metodi di estrazione dei metaboliti secondari dalle piante coltivate o di sintesi chimica, esistono realtà industriali innovative, basate sulla produzione di questi composti attraverso la coltura in vitro delle cellule e dei tessuti vegetali. L'obiettivo di questo lavoro è la messa a punto, su scala di laboratorio, di una linea cellulare di Stachys officinalis, altamente efficiente nella sintesi di un particolare metabolita secondario della classe dei feniletanoidi: il forsythoside B. Inoltre mediante lo studio dell'effetto di alcuni importanti componenti dei terreni di coltura, si è cercato di ottimizzare la capacità di crescita e di accumulo di metaboliti secondari, al fine di definire le condizioni che permettono di rendere le linee cellulari idonee alla produzione industriale del composto.

Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alberto Manfrin Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1162 click dal 21/12/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.