Skip to content

Il concetto di sviluppo. Una forma di colonizzazione?

Informazioni tesi

Studi Interculturali
  Autore: Martina Bertazzon
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2007
Docente/Relatore: Giangiorgio Pasqualotto
Istituito da: Università degli Studi di Padova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

“Cooperazione allo sviluppo”, “aiuti allo sviluppo”, “sviluppo sostenibile”: da alcuni decenni siamo abituati a sentire questi o altri termini per designare un modo lodevole, paritario, onesto e giusto per contribuire al miglioramento delle condizione dei popoli del Sud del Mondo. L’attuale sviluppo, ovvero l’applicazione delle ricette occidentali, si è rivelato come portatore di squilibri, aumento della povertà, distruzione dell’ambiente.
Ebbene, tali concetti e proposte nuove si inseriscono però su una struttura di pensiero ben radicata nella storia dell’Occidente, in particolar modo nella storia del suo decollo economico collimante con la Rivoluzione Industriale Inglese, che coincise anche con il periodo di massima espansione dell’Imperialismo.
I concetti di civilizzazione e progresso fondevano insieme i progressi tecnici, la supremazia della ragione sulla natura, la dinamicità sulla staticità e l’idea generale e positivista del mondo, un unico mondo, come abitato da un’umanità omogenea e sulla stessa linea evolutiva.
Analizzare lo sviluppo significa analizzare le strutture di pensiero che sorreggono il concetto stesso e svelare così come non sia possibile utilizzare il termine senza riferirsi a concetti tipici dell’epoca coloniale. Ma lungi quest’attribuzione dall’essere fatta in maniera esplicita e consapevole, è nel regno delle rappresentazioni sociali descritte da Moscovici che essa va collocata come fondante di senso di cui si è dimenticata l’origine.
La presente trattazione è particolarmente debitrice delle tesi di Serge Latouche e degli altri esponenti del gruppo del MAUSS, anche se tende in ultima analisi a screditare alcune delle loro conclusioni come il concetto di “Occidentalizzazione del mondo”, servendosi in particolar modo del pensiero di Giacomo Marramao e Amartya Sen.
Importanza data alla storia e all’implicazioni del termine sviluppo, la riflessione infatti viene posta su in che modo lo sviluppo possa essere considerato oggi, a tutti gli effetti, una forma di colonizzazione o non sia anche questa attribuzione un voler sottolineare la superiorità – negativa - dell’Occidente su un non-Occidente diametralmente contrapposto, quasi che il selvaggio, l’inesplorato non-occidente contenga in sé individui ancora capaci di bontà assoluta, portatori dei buoni valori, inadatti per loro natura a forgiare con piena padronanza di sé, il bene e il male per loro stessi e le loro popolazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La presente trattazione nasce da un mio personale straniamento. La lettura del testo di Serge Latouche, L’occidentalizzazione del mondo 1 , ha rovesciato i punti cardinali della mia personale visione delle problematiche del Sud del mondo. Nel mio percorso di studi ho più volte affrontato le tematiche dell’Economia dello Sviluppo, sostenendo anche l’esame in Economics of Development presso la facoltà di Economia dell’Università di Reading (UK). Da sempre critica nella cieca fiducia nel mercato globale e nelle istituzioni internazionali volte a indebitare i Paesi e a fornire ricette preconfezionate che vanno sotto il nome di teoria economica, poiché l’economia non è una scienza esatta, ho sempre valutato però in maniera positiva gli sforzi delle organizzazioni non governative, locali e internazionali, della cooperazione allo sviluppo, del mondo colorato dei social forum e del commercio equo e solidale. Lo sviluppo sostenibile era, a mio avviso, la migliore delle soluzioni possibili per un futuro equo, giusto e attento ad un ambiente già irreparabilmente danneggiato. Seguendo idee di illustri pensatori, da Gunnar Myrdal ad Amartya Sen, i problemi su cui puntare erano a mio avviso la distribuzione del capitale e l’inserimento di altre variabili nella valutazione dello sviluppo, così come avviene negli indicatori dello sviluppo umano. Non mi discostavo dalla visione letterale dell’UNDP quando afferma che l’obiettivo fondamentale dello sviluppo è la realizzazione di un ambiente che consenta alla gente di godere di una vita lunga, sana e creativa. Questa può apparire come una verità elementare, ma spesso viene dimenticata nell’urgenza di accumulare beni e ricchezze finanziarie. 2 Le parole di Latouche hanno invece spostato il centro della questione. Per utilizzare la differenziazione di Heinz W. Arndt 3 , mi è parso improvvisamente che la maggior parte della discussione mondiale si fosse soffermata sugli strumenti (politici ed economici) per il raggiungimento dello sviluppo, e quasi mai sugli obiettivi politici che sottostanno a tale concetto. 1 Latouche, S., L’Occidentalizzazione del Mondo (Torino: Bollati Boringhieri, 1992) 2 UNDP, 1990 Human development report. Citato in Zenezini, M., Note di teoria e politica dello sviluppo economico (Trieste: Edizioni Goliardiche, 2001) pag. 52 3 Arndt H.W., Lo sviluppo economico: Storia di un’idea (Bologna: Il Mulino,1990) pag. 14 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi