Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Istanze femminili in un contesto maschile limitato

Alcune possibili "risposte" dell'universo di senso del genere maschile di fronte le pressanti istanze di "parità" provenienti dal genere femminile...

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. PRESENTAZIONE “L’uomo è nato per vivere nelle convulsioni dell’inquietudine o nella letargia della noia”. (Candide, Voltaire, 1759) Stato di angoscia, timore, talvolta paura, perplessità seguita da desiderio di abbandonare, di lasciare, di mollare tutto... No, non sono ammalato, o almeno: credo di non esserlo. Si tratta molto semplicemente del mio personale sentire in questa fase iniziale di scrittura della mia tesi di laurea. Probabilmente se invece di chiamarsi “tesi di laurea” si fosse chiamata “breve e disinvolta argomentazione di un laureando di scienze politiche a chiusura della sua lunga carriera scolastica” mi sarei sentito meglio, e il tutto non avrebbe minimamente minato il mio percorso universitario, e avrebbe accelerato i tempi di “sfornata” dell’ennesimo studente medio, senza pretese di avvenire accademico, senza la necessità di sbalordire un parentado pretenzioso, senza la necessità di credenziali scolastiche illuminanti. Ma purtroppo “tesi di laurea” resta, e visto e considerato che si tratta della Mia non posso, come suggerito da più parti, cavarmela con un argomento trattato e bistrattato scrivendo la cosiddetta “tesi compilativa” perché non è caratterialmente confacente al sottoscritto scegliere passeggiate facili con paesaggi noiosi: ben venga l’ardua arrampicata con il paradisiaco paesaggio per premio. Potrei, questo è vero, lasciare zaino, scarponi, e caschetto a casa se riuscissi a scovare un argomento furbino, una nicchia di argomentazioni sconosciuta ai docenti chiamati a giudicarmi per l’ultima volta in modo da lavorare poco e portare a casa un risultato, a conti fatti, dignitoso: passeggiata breve, poco sudore, e paesaggio degno di foto, anche se non memorabile... ma che gusto ha un panorama che non è costato nessuna fatica ?!?

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Crosato Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 876 click dal 04/01/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.