Skip to content

Problemi e prospettive delle politiche regionali europee. Alcune implicazioni per il Mezzogiorno d'Italia

Informazioni tesi

  Autore: Gianfranco Carriero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Antonio Lopes
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

Questo lavoro nasce con l’ambizione di affrontare uno dei temi centrali degli interventi dell’Unione Europea : il ruolo delle politiche regionali nella riduzione degli squilibri economici fra Paesi e regioni in Europa. Giusto per dare una dimensione statistica a tali squilibri, confrontando i Paesi, e utilizzando come indicatore del benessere economico il reddito per abitante in termini reali, chi vive in Grecia risulta avere un livello di benessere pari a circa i due terzi di quello medio europeo, mentre un danese ha in media un reddito pro capite di 20 punti percentuali superiore a quello medio europeo. Oltre a ciò, bisogna altresì tenere in conto che le politiche regionali assorbono la gran parte del budget comunitario, seconde solo alla politica agricola comune. Pertanto, questa ricerca trova il suo momento fondante nel tentativo di contribuire ad una riflessione sugli effetti delle politiche strutturali europee all’interno delle economie degli Stati membri. L’Unione Europea è riuscita a raggiungere l’obiettivo di una convergenza economica fra le economie più prospere e quello meno sviluppate? Oppure si è ancora lontani dal raggiungere una tale situazione? E soprattutto, qual è stato il ruolo di queste politiche nello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia?
Le considerazioni svolte nel corso del lavoro mostrano chiaramente che le politiche di coesione europee hanno avuto un impatto significativo per quanto riguarda il miglioramento dei livelli di benessere socio-economici nelle zone meno sviluppate. A sostegno di questa affermazione, si può considerare la diminuzione del valore della deviazione standard del reddito pro capite dei Paesi europei. Tuttavia, le differenze appaiono ben più forti fra le diverse regioni all’interno dei Paesi europei: in questo caso il valore della deviazione standard del reddito per abitante fra le diverse regioni all’interno dei Paesi è aumentato nell’ultimo decennio. Da questo punto di vista, nuovi interrogativi si aprono se si prende in considerazione il recente allargamento che ha palesemente “ingigantito” le differenze socio-economiche fra Stati e regioni.
L’allargamento, infatti, ha portato con sé un cospicuo numero di innovazioni nella definizione delle politiche e della struttura istituzionale dell’Unione Europea. Il recente allargamento ha contribuito non solo a ridefinire l’Europa come un’entità politica ed economica (che supera l’immagine di quella Europa post-bellica divisa al suo interno da una cortina di ferro invalicabile) ma anche a riformulare il suo ruolo nel mondo. L’espansione dell’Unione Europea a 27 Stati membri, inoltre, è da sostegno nel processo di unificazione europea, che fu lanciato dai padri fondatori (Monnet, Spinelli, Schuman, Adenhaur, Spaak, De Gasperi) all’inizio degli anni ’50. Tuttavia, la definizione della nuova programmazione 2007-2013 ha dovuto tener conto di questi nuovi dodici Stati membri, ed è importante valutare quali profonde ricadute ciò potrà avere sulle politiche regionali degli altri Stati membri.
All’interno di questo schema generale si sviluppano i vari capitoli. Il primo capitolo esamina da una prospettiva storica la formulazione delle politiche regionali europee sin dalla nascita dell’Unione Europea. . Il secondo capitolo, invece, prende in considerazione l’altro concetto rilevante di questo lavoro, ossia quello di convergenza economica. Il terzo capitolo esamina più in dettaglio la posizione del Mezzogiorno italiano. In ultimo, nel quarto capitolo ci si sofferma sulle implicazioni derivanti dall’allargamento ad Est e si individuano le possibili strade che si aprono per le politiche regionali alla luce della recente programmazione 2007-2013. La ricerca effettuata a proposito ha individuato come la nuova politica regionale dell’Unione tende ad essere rivolta principalmente alla convergenza fra i Paesi e non più alla riduzione delle disparità regionali, tuttora notevolmente presenti all’interno della “vecchia” Europa. Il problema principale dell’allargamento, quindi, non riguarda tanto i mercati, quanto più la percezione che si ha dei divari economici all’interno dell’UE stessa. Al momento, però, non sembra ancora chiaro quali strumenti saranno veramente efficaci nel risolvere i problemi della convergenza socio-economica degli Stati membri. Di conseguenza diventa importante il ruolo che la nuova politica regionale è chiamata a svolgere: non più “allettare” nuovi partner e sostenere il livello di “coesione politica” già conseguito dai vecchi, bensì contribuire a ridurre gli squilibri territoriali nei livelli di sviluppo e di benessere, che limitano la partecipazione delle aree più deboli ai benefici che il processo di integrazione economica può produrre complessivamente, ma che possono anche distribuirsi in modo squilibrato, accentuando così i divari territoriali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro nasce con l’ambizione di affrontare uno dei temi centrali degli interventi dell’Unione Europea 1 : il ruolo delle politiche regionali nella riduzione degli squilibri economici fra Paesi e regioni in Europa. Giusto per dare una dimensione statistica a tali squilibri, confrontando i Paesi, e utilizzando come indicatore del benessere economico il reddito per abitante in termini reali, chi vive in Grecia risulta avere un livello di benessere pari a circa i due terzi di quello medio europeo, mentre un danese ha in media un reddito pro capite di 20 punti percentuali superiore a quello medio europeo. Oltre a ciò, bisogna altresì tenere in conto che le politiche regionali assorbono la gran parte del budget comunitario, seconde solo alla politica agricola comune. Pertanto, questa ricerca trova il suo momento fondante nel tentativo di contribuire ad una riflessione sugli effetti delle politiche strutturali europee all’interno delle economie degli Stati membri. L’Unione Europea è riuscita a raggiungere l’obiettivo di una convergenza economica fra le economie più prospere e quello meno sviluppate? Oppure si è ancora lontani dal raggiungere una tale situazione? E soprattutto, qual è stato il ruolo di queste politiche nello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia? Le considerazioni svolte nel corso del lavoro mostrano chiaramente che le politiche di coesione europee hanno avuto un impatto significativo per quanto riguarda il miglioramento dei livelli di benessere socio-economici nelle zone meno sviluppate. A sostegno di questa affermazione, si può considerare la diminuzione del valore della deviazione standard del reddito pro capite dei Paesi europei. Tuttavia, le differenze appaiono ben più forti fra le diverse regioni all’interno dei Paesi europei: in questo caso il valore della deviazione standard del reddito per abitante fra le diverse regioni all’interno dei Paesi è aumentato nell’ultimo 1 Inoltre, la scelta di affrontare questa particolare tematica è maturata durante il mio stage vinto presso la Rappresentanza diplomatica italiana all’Unione Europea da gennaio ad aprile 2006. In particolare, occupandomi di allargamento e di riforma della politica strutturale in seguito all’entrata di Romania e Bulgaria, ho avuto la possibilità di affiancare diplomatici italiani e funzionari europei nel loro lavoro quotidiano e di venire a contatto con la loro esperienza che, peraltro, può essere rintracciata in alcune valutazioni. Né è derivata, pertanto, una conoscenza maggiore di quelli che sono i reali problemi europei e uno sprono maggiore nell’approfondirli e nel tentare di tracciare eventuali soluzioni. In questo compito sono stato anche sostenuto dall’efficienza della struttura bibliotecaria della Commissione europea. I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allargamento
crescita economica
economia regionale
europa
finanza regionale
fondi strutturali
fondo di coesione
mezzogiorno
polticia economica
sviluppo economico
teoria della crescita
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi