Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La brama sopita: note sull'anoressia

I disturbi del comportamento alimentare, come l’anoressia nervosa, sono considerati attualmente tra i più seri disordini psicologici che insorgono in adolescenti e in giovani donne. Il loro crescente incremento sia in Europa che in altri Paesi industrializzati e i seri effetti fisici, psicologici e sociali che provocano sul paziente ne hanno fatto oggi la terza patologia cronica più grave in psichiatria.
Il Termine anoressia deriva dal termine greco “orexis” che significa brama, desiderio, passione. Si può intendere, infatti, l’anoressia come una passione, uno stato di violenta e persistente emozione erotica in contrasto con le esigenze delle ragione, la realizzazione della sessualità, la concretezza di un corpo sessuato, che impone la discontinuità tra la sessualità perversa polimorfa infantile e la sessualità adulta, incarnata dal periodo della pubertà, imponendo la scelta di appartenenza di genere. Questo spiega il motivo per cui il 90-95% delle persone colpite appartiene al sesso femminile e l’età del disturbo sia compresa fra i 12 e 25 anni, (anche se negli ultimi tempi sono stati diagnosticati casi dopo i 20-30 anni). Alla base vi è una alterazione del rapporto con il corpo che va ben al di la del sintomo alimentare, una alterazione che riguarda in modo profondo l'esperienza stessa del corpo, dell' avere un corpo e non solo la sua immagine "estetica" o sessuale, come dimostrano i casi di anoressia in giovani congenitamente cieche, quelli in età prepubere e nella prima e primissima infanzia

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione I disturbi del comportamento alimentare, come l’ anoressia nervosa, sono considerati attualmente tra i più seri disordini psicologici che insorgono in adolescenti e in giovani donne. Il loro crescente incremento sia in Europa che in altri Paesi industrializzati e i seri effetti fisici, psicologici e sociali che provocano sul paziente ne hanno fatto oggi la terza patologia cronica più grave in psichiatria. Il Termine anoressia deriva dal termine greco “ orexis” che significa brama, desiderio, passione. Si può intendere, infatti, l’ anoressia come una passione, uno stato di violenta e persistente emozione erotica in contrasto con le esigenze delle ragione, la realizzazione della sessualità, la concretezza di un corpo sessuato, che impone la discontinuità tra la sessualità perversa polimorfa infantile e la sessualità adulta, incarnata dal periodo della pubertà, imponendo la scelta di appartenenza di genere. Questo spiega il motivo per cui il 90-95% delle persone colpite appartiene al sesso femminile e l’ età del disturbo sia compresa fra i 12 e 25 anni, (anche se negli ultimi tempi sono stati diagnosticati casi dopo i 20- 30 anni). Alla base vi è una alterazione del rapporto con il corpo che va ben al di la del sintomo alimentare, una alterazione che riguarda in modo profondo l'esperienza stessa del corpo, dell' avere un corpo e non solo la sua immagine "estetica" o sessuale, come dimostrano i casi di anoressia in giovani congenitamente cieche, quelli in età prepubere e nella prima e primissima infanzia 1 . A proposito di queste forme così precoci di anoressia, Irene Chatoor ha parlato di fallimento dello sviluppo della integrazione somatopsichica per cui il 1 Bemporad JR, Hoffman D. Herzog DB( 1989) “ Anorexia nervosa in congenitally blind “ New York Chatoor,(1989); “ Infantile anorexia nervosa : A Developmental disorder of separation and individuation in Bemporad JR, Herzog DB”

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Mozzi Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5074 click dal 04/01/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.