Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'allineamento e la condivisione degli obiettivi: la Balanced Scorecard

Ogni organizzazione cerca di istituire al suo interno un efficiente ed efficace sistema di gestione delle prestazioni allo scopo di avere a disposizione uno strumento per stimare, gestire e migliorare la salute ed il successo dell’organizzazione, ma anche per istituire misure di qualità, costo, velocità, servizi ai clienti ed assicurare ai dipendenti competenza, motivazione ed allineamento agli obiettivi prestabiliti. Ciò comporta il graduale passaggio da un sistema di controlli basati sul rispetto di regole formali ad una strategia orientata in avanti, in grado di coinvolgere sia la direzione generale sia i diversi settori in cui l’organizzazione si suddivide. Lo scopo è quello di fornire una visione della stessa strategia in risultati chiaramente misurabili, che
ne definiscano il successo e che siano condivisi sia all’interno della gestione aziendale, sia all’esterno tra clienti e stakeholders. Per ottenere un duraturo successo è necessario che la cultura organizzativa evolva fino al punto di coltivare il miglioramento delle prestazioni come uno sforzo continuo. Considerare il miglioramento come un singolo evento è una ricetta per il fallimento, al contrario incorporare la misura e il miglioramento delle prestazioni nella propria struttura gestionale, piuttosto che trattarle
come un programma separato, accrescerà fortemente la longevità e il successo dell'azienda.
Un’organizzazione deve quindi sviluppare le capacità idonee per monitorare sia le sue prestazioni correnti sia i suoi sforzi, per migliorare i processi, motivare ed istruire il personale ed ampliare il suo sistema d’informazione, ovvero sviluppare la sua capacità di apprendere e migliorare. La consapevolezza che nessun indicatore sia, da solo, in grado di misurare in modo completo l’incidenza dei differenti fattori che determinano la
performance dell’azienda, ha portato allo studio di nuovi sistemi e modelli di
valutazione che potessero colmare questa lacuna, arrivando così allo sviluppo di una nuova metodologia definita Balanced Scorecard (BSC), detta, anche, “Scheda di Valutazione Bilanciata”. La Balanced Scorecard, quindi, si distingue dagli altri strumenti di valutazione, proprio perché considera, in un unico documento sintetico, una molteplicità d’indicatori, scelti in funzione delle finalità e strategie dell’impresa e raggruppati in schede allo scopo di fornire diverse prospettive, favorendo, in tal modo, una visione più completa della performance dell’impresa e offrendo la possibilità di approfondimenti, essendo collegato al sistema informativo. Questo importante strumento si caratterizza, infatti, per il suo orientamento alla gestione futura, senza peraltro tralasciare l’analisi delle performances passate, con il fine di monitorare continuamente gli obiettivi strategici dell’azienda, in modo da creare un sistema unico, interrelato, in cui convergono strategie, reporting direzionale e performance
manageriali. La Balanced Scorecard assume un ruolo centrale nel tradurre la Mission e le Strategie aziendali in una serie di misure oggettive, intervenendo nelle diverse fasi del processo strategico.
La scheda di valutazione bilanciata integra misure economico-finanziarie con le misure dei drivers della performance futura. Gli obiettivi e le misure dipendono direttamente dalla strategia e Vision aziendale, esaminando la performance di un’impresa secondo quattro prospettive: economico-finanziaria, clienti, processi interni, apprendimento e crescita. Queste quattro prospettive rappresentano la struttura portante della BSC. Grazie a questo modello, i dirigenti di un’impresa possono espandere la gamma di obiettivi strategici ben oltre i ben noti obiettivi finanziari, trovando nello stesso tempo le risposte efficaci per condurre l’impresa sulla strada del successo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PARTE PRIMA MISURARE LA STRATEGIA DEL BUSINESS “Not everything that counts can be counted, and not everything that can be counted counts” Albert Einstein CAPITOLO PRIMO - L’EVOLUZIONE STORICA In un ambiente economico fortemente discontinuo , dinamico e competitivo come quello attuale, dominato dall’imprevedibile volontà innovativa, è lecito porsi alcune domande che riguardano gli strumenti utilizzati dalle aziende per il controllo di gestione: 1. Gli strumenti tradizionali di valutazione della performance sono ancora funzionali alle esigenze di imprese moderne che perseguono una strategia di eccellenza imprenditoriale e di miglioramento continuo? 2. Quali miglioramenti possono essere fatti?

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabrizio Sana Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2147 click dal 08/01/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.