Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maltrattamento di animali: tutela indiretta dell'uomo o diretta dell'animale?

Il presente lavoro prende in esame l'evoluzione della normativa sul maltrattamento di animali nel corso del tempo, soffermandosi sull'oggetto della tutela, che rappresenta il nucleo centrale della disciplina.
Si è difatti passati da una disciplina che tutelava l'animale come oggettività ad una normativa che tutela l'animale sia come oggettività sia come soggettività.
La suddetta tesi è stata insignita, nel settembre 2009, del Premio Speciale "Dalla parte degli animali", conferito alla medesima dalla Giuria Tecnica del X Premio Ecologia Laura Conti.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO I LA TUTELA DEGLI ANIMALI NELL’ORIGINARIO CODICE PENALE DEL 1930 1. La formulazione originaria dell’art. 727 c.p. del Codice Penale Il 1 agosto 2004 è entrata in vigore la Legge 20 luglio 2004, n. 189 (G.U., 31 luglio 2004, n. 178) contenente nuove disposizioni in tema di maltrattamento di animali. Dal punto di vista sistematico, l’intervento ha determinato l’introduzione, nel libro II del codice penale (“Delitti contro la moralità pubblica ed il buon costume”), del titolo IX-bis, dedicato ai “Delitti contro il sentimento degli animali”. Gli articoli inseriti mirano a perseguire condotte che in varia maniera coinvolgono gli animali: l’uccisione di animali, il maltrattamento di animali, il divieto di manifestazioni o spettacoli che comportino strazio o sevizie per gli animali, il divieto di combattimenti tra animali. La legge n. 189 del 2004 prevede poi il divieto di utilizzo a fini commerciali di pelli e pellicce. E’ inoltre stabilita la confisca obbligatoria dell’animale, la sospensione temporanea dell’attività per chi esercita professionalmente l’allevamento, il trasporto o il commercio di animali e l’interdizione dall’esercizio di tali attività in caso di recidiva. Il nuovo impianto legislativo, da tempo auspicato, ha sollevato numerosi plausi, ma anche dubbi e perplessità, in particolare fra gli enti e le associazioni a tutela degli animali.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Dalila Giglio Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3649 click dal 11/01/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.