Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fair value nella valutazione delle attività di bilancio: settore business e non business

La tesi tratta del problema inerente all'applicazione del principio del fair valuee nella valutazione delle attività di bilancio.
Si analizzano i diversi metodi previsti per la valutazione delle attività di bilancio (Market Approach, Cost Approach, Income Approach) e le implicazioni derivanti dalla loro applicazione.
Lanalisi viene poi condotta a livello internazionale attraverso alle conseguenze derivanti dall'applicazione del principio del fair value nella valutazione di alcune voci di bilancio sia nel settore business che non business.
Si analizza la situazione della contabilità delle imprese pubbliche, i metodi valutativi previsti e le modalità di applicazione del principio del fair value.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’origine del principio del fair value è ravvisabile nella dottrina economica anglosassone pur se rimase, per lungo tempo, una mera formulazione teorica, frammentaria e incompleta, non trovando larga applicazione e consenso nella prassi contabile. Solo negli ultimi anni, il dibattito sull’adozione del criterio del fair value nella valutazione di poste contabili ha assunto una valenza sempre crescente mettendo in discussione, anche in Italia, la supremazia del principio del costo storico, quale unico riferimento per l’apprezzamento degli elementi di bilancio. L’ascesa del criterio del fair value è collegata alla volontà degli stakeholders di ottenere informazioni aggiornate sul valore dei beni aziendali, anche considerando l’elemento rischio e superando, in tal modo, uno dei principi limiti del criterio del costo storico. I principi contabili internazionali prevedono l’adozione del fair value nella stima di un numero sempre crescente di voci dell’attivo e del passivo, imputando al conto economico le variazioni intervenute. La progressiva diffusione del fair value e l’avvertita esigenza di elaborare una sua disciplina organica e completa, ha indotto il FASB ad emanare, nel settembre 2006, lo SFAS No. 157 “Fair Value Measurements”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Arianna Volpecina Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2259 click dal 15/01/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.