Skip to content

La banca e l'outsourcing

Informazioni tesi

  Autore: Emilio Giordano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giuseppe Guglielmo Santorsola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

L’outsourcing è uno dei tanti prodotti che il mercato genera, un prodotto che rappresenta in un certo senso una delle tante forme di adattamento all’estrema variabilità del mercato permettendo all’impresa di riuscire ad essere contemporaneamente sana e competitiva.
In tale contesto, la presente tesi cerca di esporre come tale adattamento avviene in uno specifico settore, quello bancario, evidenziando come l’istituto di credito abbia ormai dismesso la veste di banca tradizionale per trasformarsi in un’azienda sempre attenta a cogliere le continue evoluzioni del mercato. Nel presente lavoro si è quindi proceduto, in primo luogo, a dare una definizione etimologica del termine outsourcing e delle sue varie applicazioni: dapprima nel contesto impresa, in un’accezione generale e storica e poi, più specificatamente, nel contesto creditizio. In modo particolare, in quest’ultimo caso, si è parlato di outsourcing nell’area informatica e nell’area del credito, evidenziando come nel primo caso l’esternalizzazione dei sistemi informativi stia portando la banca ad una situazione di graduale ma inesorabile immaterialità, più propriamente conosciuta come “banca virtuale”, mentre nel secondo caso si è discusso dell’esternalizzazione nell’area del credito, come la gestione delle tecniche di credit scoring, recupero crediti e cartolarizzazione degli stessi. Ma cos’è che spinge un istituto di credito ad esternalizzare? La variabilità dei mercati è la prima quanto semplicistica risposta, con l’outsourcing a fungere da “salvagente” che consente all’azienda-banca di sopravvivere in un contesto ambientale dominato da estremo dinamismo e competitività. Nel prosieguo della tesi, pertanto, si è cercato di analizzare l’intero iter di un processo di esternalizzazione partendo da un’analisi interna di valutazione e relativa scelta delle attività da affidare all’esterno fino a giungere alla scelta del/i fornitore/i. Nel trattare questo argomento si è evidenziato come siano importanti i concetti di core competences e core business, entrambi elementi funzionali ed imprescindibili che consentono alla banca, che ha intrapreso un processo di outsourcing, di poter focalizzare le risorse sulla propria attività nodale, risorse liberate grazie all’esternalizzazione di funzioni ritenute accessorie e di supporto contraddicendo, pertanto, la teoria che vuole che la diffusione del fenomeno outsourcing sia riconducibile ad una mera riduzione dei costi aziendali. Ma outsourcing non significa solo instaurare un semplice rapporto di fornitura con l’outsourcer. È essenziale, infatti, per una banca che il legame con il proprio fornitore sia improntato su un rapporto stabile, duraturo e che sfoci in una solida partnership che porti ad una condivisione di sinergie ed obiettivi.
Una decisione di esternalizzazione è anche una decisione irreversibile per la banca ed è pertanto necessario che quest’ultima analizzi con meticolosa attenzione tutti i costi cui andrà incontro. A sostegno di quanto è stato detto, intervengono, grazie soprattutto alla letteratura esistente, diversi modelli teorici che spiegano da un punto di vista tecnico i sacrifici in termini di costi che un processo di esternalizzazione comporta. A ciò modelli come la break even analysis e la teoria dei costi transazionali di Williamson, sono funzionali per un’azienda poiché consentono alla stessa di analizzare la decisione di ricorre all’outsourcing in termini di equilibrio tra ricavi e costi (break even point) e minimizzazione dei costi di transazione (teoria dei costi transazionali).
Quanto detto finora che implicazioni ha dal punto di vista delle risorse umane? Anche in questo caso a soccorrerci è lo studioso Mintzberg che grazie alla sua teoria ha contributo in maniera significativa allo studio dei cambiamenti organizzativi di un’azienda a seguito di un processo di outsourcing divisionalizzando la struttura organizzativa di un’impresa in riferimento agli elementi essenziali della stessa. Ma è anche la legge a soccorrerci nel nostro studio analizzando come la stessa tratti il discorso gestione del personale dopo aver attuato una strategia di outsourcing dal punto di vista della flessibilità con gli istituti di flessibilità interna ed esterna. Come prova di quanto trattato, nella parte conclusiva della tesi si è proposto l’esposizione di un caso pratico relativo all’istituto di Credito Emiliano meglio conosciuto come Credem. L’outsourcing per tale banca ha occupato un ruolo centrale attraverso la stipula dei primi contratti di fornitura dei centri di elaborazione dati sino alla completo affidamento a fornitori specializzati e competenti dell’intera funzione IT.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L'outsourcing emerge come uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che ha conosciuto la sua maggiore espansione nel corso dell'ultimo decennio e che continuerà a proporsi nei suoi diversi ambiti e nelle sue varie applicazioni come una via obbligata per la sopravvivenza sul mercato delle imprese. Liberarsi di alcune funzioni per puntare sulle attività in cui l'azienda si sente più forte: è questo in sostanza il motivo principale, affiancato a quello della riduzione dei costi, che spinge un numero sempre maggiore di imprese a ricorrere all'outsourcing. Delegare a fornitori esterni la gestione di attività considerate non strategiche per le imprese costituisce l'unica via concretamente praticabile per raggiungere l'obiettivo di concentrarsi sul proprio core business, obiettivo che oggi è imposto dai mercati. Nell’accezione comune, per outsourcing si intende una relazione a lungo termine tra un cliente ed un fornitore nella quale il cliente delega interamente, o significativamente una serie di servizi al fornitore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca
banche
break-even point
esternalizzazione
outsourcing
outsourcing banche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi