Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'internazionalizzazione per innovare nelle medie imprese: un'analisi su alcune regioni del NEC

Il lavoro presentato nella tesi riguarda un'analisi delle forme di internazionalizzazione come strategia di innovazione nelle PMI.
Oltre a una trattazione teorica dell'argomento, è stato svolta un'analisi su un campione di PMI appartenenti a tre regioni del NEC (Marche, Veneto, toscana) e sulle loro strategie di internazionalizzazione a partire dai valori delle esportazioni e della partecipazioni all'estero; valori riscontrati nell'analisi dei bilanci di esercizio.
L'obiettivo è stato analizzare l'evoluzione delle strategie di internazionalizzazione nel periodo 2001-2005 e verificare come le PMI hanno risposto alla crisi economica di cui sono state protagoniste negli anni in esame.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo sviluppo economico italiano vede, a partire dalla metà degli anni ’90, l’emergere di alcune difficoltà. Dopo la rapida crescita, che aveva caratterizzato gli anni precedenti, si manifestano i primi segnali di rallentamento, causato dalla necessità di dover modificare il sistema produttivo per adattarlo alle esigenze di una nuova e più aspra concorrenza internazionale, spinta, in quegli anni, dalla diffusione capillare del modello competitivo globale. Ad incrementare una difficile situazione economica influisce anche l’introduzione della moneta unica europea, l’Euro, che priva l’economia italiana di uno strumento competitivo largamente utilizzato in passato, la svalutazione della moneta, strumento che permetteva di aumentare il livello delle esportazioni dei prodotti “made in Italy” e di aggiustare, così, le inefficienze in campo internazionale per meglio muoversi sui mercati esteri. L’ultimo decennio è stato caratterizzato, inoltre, da un rapido e aggressivo sviluppo di nazioni, quali la Cina, l’India, le “Tigri Asiatiche” ed altre, che hanno messo a dura prova la competitività italiana, attraverso la produzione, a minori costi, di prodotti da sempre “cavalli di battaglia” della nostra economia. Da un’analisi presentata nello scorso anno, dal capo dell’ufficio dell’OCSE Enrico Giovannini, sull’uso di una serie di indicatori economici per individuare il 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Loretta Pasqualini Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2103 click dal 16/01/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.