Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto del turismo nella percezione dei residenti

La tesi fornisce una carrellata dei principali apporti al turismo sostenibile, punti di forza e debolezza e politiche atte al suo sviluppo. Viene inoltre analizzata lo sviluppo del turismo correlata alla creazione di aree marine e parchi. infine viene studiato lo sviluppo del turismo sostenibile, ancora in fase embrionale, in una specifica area marina della Sardegna (Area Marina Protetta del Sinis e della Penisola di Mal di Ventre) e l'impatto che lo stesso ha sui residenti nell'Area suddetta

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi decenni i ricercatori di tutto il Mondo si sono trovati concordi nel diffondere un generale allarmismo sulle condizioni di salute del nostro Pianeta: a causa dell’inquinamento e dell’allargamento del buco dell’ozono la temperatura terrestre si sta innalzando notevolmente, provocando lo scioglimento dei ghiacciai, la progressiva desertificazione, e modificando radicalmente l’ecosistema, oltre a indurre il verificarsi di fenomeni catastrofici quali l’attuale maremoto verificatosi in Indonesia nell’estate 2005 o il susseguirsi di uragani che hanno recentemente colpito alcuni stati degli Stati Uniti, con effetti disastrosi. La Terra è malata, e per rimediare occorre diminuire l’inquinamento. Inoltre, nel mondo, continua a persistere la differenza tra nord e sud del mondo, con l’accentuarsi delle difformi condizioni di vita tra i paesi industrializzanti e quelli non industrializzati: i primi usufruiscono dell’80% delle risorse terrestri, lasciando solo il 20% delle stesse per gli altri popoli. Uno degli aspetti su cui occorre intervenire è la coscienza ambientale delle persone. Anche il fenomeno turistico può essere uno strumento per migliorare le condizioni ambientali, ma soprattutto per sensibilizzare le persone alle problematiche ambientali e umanitarie, e per far loro nascere una coscienza ambientale. Il turismo è una delle maggiori “industrie” del mondo, che produce un enorme ricchezza economica e culturale. Esso è un fenomeno pervasivo legato ad un giro d’affari che si aggira intorno ai 5 miliardi di dollari. E’ un fenomeno dalle mille sfaccettature legato a molteplici aspetti: quello personale, di coloro che vanno in vacanza; quello culturale, quello legato alle tradizioni e alla storia, l’aspetto economico e, ancor di più, l’aspetto legato alle risorse ambientali. Nascono proprio da questa spinta le politiche tese a creare e sviluppare nuovi modi di vivere il turismo, un turismo sostenibile, rispettoso delle caratteristiche ambientali e teso alla creazione di una ricchezza che non intacchi le possibilità di fruizione dell’ambiente da parte della generazioni future. Ma, come per qualsiasi politica che si prefigge degli scopi di così ampia portata, per capire gli effetti sulle persone è utile analizzare i singoli casi. Di notevole importanza risulta lo studio sugli atteggiamenti dei residenti nei confronti dei turisti e del turismo, in un’area in cui si sta cercando di sviluppare un turismo connotato in termini di sostenibilità ambientale quale quello preso in esame in questo studio. Il territorio preso in esame dalla presente ricerca è quello dell’“Area Marina Protetta del Sinis e dell’Isola di Mal di Ventre”, in cui, lo scopo prefissato dagli Enti locali e dall’Ente gestore dell’Area Marina, è quello di tentare di sviluppare l’economia locale attraverso l’incremento del turismo sostenibile, poiché quest’area ha delle potenzialità molto forti in ambito turistico derivanti dal paesaggio quasi incontaminato e dalle peculiarità storico-artistiche e culturali.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elisa Martis Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2171 click dal 22/01/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.